Timeout Channel

Il Portale dello Sport

Basket, alle 13.30 Italia-Nuova Zelanda, ultimo test prima del Mondiale (rs web Gazzetta.it)

Condividi l'articolo
Gli azzurri sono reduci da 5 k.o. consecutivi ma sono apparsi in crescita nelle ultime due gare con Serbia e Francia grazie al rientro di Datome e Gallinari

MILANO – È la prova generale che prepara alla Prima. L’Italia, alle ore 13.30, scende in campo ad Anshan (Cina) per sfidare la Nuova Zelanda nell’ultima gara di preparazione al Mondiale che scatterà sabato a Foshan. Gli azzurri sono reduci da cinque sconfitte consecutive, ma hanno fatto notevoli passi avanti col rientro di Gigi Datome e Danilo Gallinari. Resteranno fuori Hackett (riposo precazionale) e Brian Sacchetti (rotazione).

DISASTRI – Dopo i disastri dell’Acropolis con Grecia (-20) e Serbia (-32), oltre al k.o. con clamorosa rimonta subita nel 4° periodo dalla Turchia, le cadute con gli stessi serbi e con la Francia sono state di misura e hanno soprattutto dato segnali incoraggianti al c.t. Meo Sacchetti, anche se gli azzurri restano apparentemente lontani dal poter competere per le posizioni che contano. L’obiettivo resta passare il turno battendo Filippine e Angola per qualificarsi al Preolimpico. Poi, quel che verrà sarà un di più. Al termine della sfida con i Tall Blacks, Sacchetti comunicherà i 12 per la rassegna iridata.

TALL BLACKS – Ad Anshan, città a circa un’ora da Shenyang dove gli azzurri hanno giocato le ultime due partite, troviamo quindi la Nuova Zelanda, formazione che al Mondiale giocherà nel gruppo F di Nanchino con Grecia, Brasile e Montenegro. Il c.t. Paul Henare ha già chiuso il roster dei 12 che parteciperanno al Mondiale con gli ultimi tagli di Murray (classe 2002) e Vodanovich. I Tall Blacks, che all’inizio di ogni partita intonano la Haka, danza tipica del popolo Maori, proprio come gli All Blacks nel rugby, possono contare su soli due giocatori che militano in formazioni europee: Fotu a Ulm in Germania e Webster al Galatasaray in Turchia. Gli altri 10 giocano nei campionati di Nuova Zelanda e Australia, compreso il centro di 215 centimetri Alex Pledger (classe 1987 del Melbourne United).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *