Timeout Channel

Il Portale dello Sport

Basket, Serie A: Milano sa solo vincere, Venezia ko. Alla Virtus il derby di Bologna (rs web Repubblica.it)

Condividi l'articolo
L’Olimpia infila il nono successo di fila piegando la Reyer 86-72. Le V-Nere si impongono contro la Fortitudo per 91–71. Vincono Cantù contro Roma, Varese a Trento, Brindisi in casa contro Brescia e Pesaro che stende la Reggiana

ROMA – Milano non sa perdere e infila il nono successo di fila in campionato piegando 86 a 72 una Reyer Venezia che resiste finché può, anche perché falcidiata da diverse assenze per infortunio (Watt, Mazzola) e per contagio da coronavirus. Va invece alla Virtus il derby di Bologna: 91 a 71 il punteggio grazie a una grande prestazione corale. Torna alla vittoria anche Cantù che supera Roma 101 a 85. Successi poi per Varese contro Trento, per Brindisi contro Brescia e infine per Pesaro contro Reggio Emilia.

MILANO-VENEZIA 86-72 – Venezia si presenta a Milano con un quintetto fortemente rimaneggiato a causa di infortuni e di Covid: sono solamente sette i giocatori a disposizione di De Raffaele, tra cui i giovanissimi Davide Casarin e Luca Possamai. L’avvio degli ospiti è però è ottimo e comandano nel primo periodo di gioco, spingendosi fino a 8 di vantaggio, chiudendo il quarto avanti per 21-25. Nel secondo quarto arriva la reazione meneghina, con l’Olimpia che rimonta e prende in mano la gara, sebbene all’intervallo chiuda in vantaggio solo per 44-39. Il terzo quarto è quello decisivo per Milano che allunga in modo decisivo con un parziale di 13-0 e a 10? dal termine conduce 71 a 55. L’ultimo periodo è pura amministrazione per le Scarpette Rosse, che rimangono così imbattute in campionato e ora possono tornare a concentrarsi sull’Eurolega. A livello individuale, 20 punti di Zach LeDay e 16 di Malcolm Delaney per Milano, mentre tra gli ospiti padroneggia Isaac Fotu, top scorer del match con 25 punti.

FORTITUDO-VIRTUS 71-91 – Il derby di Bologna comincia con grande equilibrio con Virtus e Fortitudo che si sono scambiate più volte il comando nel corso del primo quarto. Le V-Nere vanno alla prima pausa aventi 25 a 22 grazie a una schiacciata di Hunter su assist di Markovic. Nella prima parte del secondo quarto, la Virtus ha provato a spingere più forte e dopo quattro minuti e mezzo, dall’inizio del tempo, ha raggiunto la doppia cifra di vantaggio, con un canestro di Gamble, sul 28-38. La Fortitudo è presa per mano da un grande Happ, che ha contribuito a ridurre lo svantaggio. Il primo tempo si chiude sul 41 a 47 in favore della Virtus. Nel terzo periodo la Virtus, grazie a un grandissimo Teodosic e a un Pajola molto ispirato, ha tenuto i rivali a distanza di sicurezza. All’inizio del quarto finale, invece, le V-Nere hanno premuto il piede sull’acceleratore piegando definitivamente la Fortitudo grazie al solito Teodosic, a Markovic e a Alibegovic. Alla fine per Pajola si contano 14 punti, mentre Teodosic mette a referto ben 14 assist. Per quanto concerne la Fortitudo, invece, arrivano 20 punti per Saunders e 17 per Happ.

VITTORIE PER CANTU’, VARESE, BRINDISI E PESARO – Cantù torna al successo imponendosi per 101-85 in casa contro la Virtus Roma. Per l’Acqua S.Bernardo si tratta della terza affermazione della stagione, la prima dopo rientro in campo una volta superata l’emergenza Covid nel gruppo. I capitolini incassano invece la terza sconfitta su quattro in terra lombarda e rimangono a quota 4 punti in classifica. Grazie a una rapidissima circolazione di palla e a un gioco interno solido, Cantù è riuscita a risollevarsi soprattutto grazie al tiro dai 6.75 che si conferma uno dei cavalli di battaglia del club brianzolo, terzo in campionato. Roma molto male in fase difensiva. Il MVP dell’incontro è Donte Thomas: per lui 21 punti con il 100% da due e 2/3 da tre punti, oltre a ben 12 rimbalzi e 5 falli subiti.

La Openjobmetis Varese espugna il PalaTrento e sconfigge i padroni di casa della Dolomiti Energia Trento per 77-74. Dopo un primo tempo equilibrato che vede avanti i padroni di casa, i lombardi si scatenano nella ripresa trascinati da Douglas e conquistano un’importante vittoria che li riavvicina alla zona playoff e permette loro di riagganciare proprio i trentini. Non basta invece un Morgan da 23 punti alla squadra di Brienza.

L’Happy Casa Brindisi soffre ma batte la Germani Brescia 74-71. Successo molto importante per i pugliesi, che portano a casa un match molto equilibrato e tengono così il passo dell’Olimpia Milano, consolidando il secondo posto a una sola vittoria di distanza. D’Angelo Harrison dei padroni di casa il miglior realizzatore della serata con 19 punti a referto.

Pesaro domina sulla Unahotels Reggio Emilia col punteggio di 84-63 ottenendo il quinto successo stagionale e raggiungendo l’Umana Reyer Venezia a quota 10 punti. Il top-scorer di serata è Carlos Delfino (19).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *