Ascolta "Goodmorning Football" su Spreaker.

Basket, Serie A: Trieste, Trento e Avellino prendono l’ultimo treno per i play off (rs web Repubblica.it)

Condividi l'articolo

La trentesima giornata ha emesso gli ultimi verdetti: la Sidigas sfiderà Milano, vincitrice della regular season, l’Alma se la vedrà con Cremona e la Dolimiti Energia Trentino affronterà Venezia

ROMA – Sono Trieste, Trento e Avellino le ultime tre squadre ad accedere ai play off del campionato di basket italiano. Questi gli ultimi verdetti che arrivano dalla trentesima giornata. E così la Sidigas sfiderà Milano, Trieste se la vedrà con Cremona e Dolomiti Energia affronterà Venezia.

AVELLINO RAGGIUNGE MILANO, TRIESTE OK NONOSTANTE LA SCONFITTA – Si è chiusa così una emozionante regular season con una lotta play off fino all’ultimo canestro con Trieste e Avellino che riescono a spuntarla nei confronti di Varese e Cantù. L’Olimpia chiude al primo posto con sei punti di vantaggio su Venezia e Cremona e lo fa battendo Trieste per 93-88. Una sconfitta indolore per gli ospiti che comunque chiudono al settimo posto nonostante i 27 punti di Hrvoje Peric. I ragazzi di Pianigiani vengono trascinati da Amedeo Della Valle e adesso si apprestano a giocare la fase decisiva della stagione da favorita numero uno. E la prima avversaria di James e compagni sarà Avellino che sbanca Pistoia 73-88 ed entra sul filo di lana nel gruppo delle migliori otto. La Sidigas dilaga nel terzo quarto e, grazie ai 22 punti di Sykes, riesce a centrare l’obiettivo stagionale.

Milano-Trieste 93-88 (14-22, 53-43, 67-55)
Milano: Micov 11, De Capitani ne, Fontecchio 4, Tarczewski 3, Kuzminskas 13, Cinciarini 12, Nunnally 4, Burns 6, Brooks 10, Jerrels 9, Della Valle 21. Allenatore: Pianigiani.
Trieste: Coronica, Peric 27, Fernandez 5, Wright 18, Strautins 2, Cavaliero, Da Ros 5, Sanders 13, Knox 8, Dragic 3, Mosley 7, Cittadini ne. Allenatore: Dalmasson
Arbitri: Lo Guzzo-Grigioni-Morelli.
Note: Tiri liberi: Milano 18/21, Trieste 18/25. Uscito per cinque falli: nessuno.

Pistoia-Avellino 75-88 (22-20, 44-45, 61-78)
Pistoia: Bolpin 8, Della Rosa 3, Peak 8, Auda ne, Di Pizzo ne, Querci 4, Crosariol 8, Del Chiaro 2, Mesicek 7, Odum 12, Mitchell 21. Allenatore: Moretti
Avellino: Udanoh 15, Nichols 4, Filloy 8, Campani 3, Sabatino 2, Silins 2, Campogrande 3, Harper 21, D’Ercole, Sykes 22, Spizzicchini 2, Ndiaye 6. Allenatore: Maffezzoli
Arbitri: Sahin-Paglialunga-Nicolini.
Note:Tiri liberi: Pistoia 14/21, Avellino 19/21. Usciti per cinque falli: Peak, Mitchell, Udanoh.

VARESE E CANTU’ LE GRANDI DELUSE – Le grandi deluse sono invece Varese e Cantù, rispettivamente ko a Bologna (84-72) e Sassari (87-81), Entrambe rimangono fuori dalle prime otto nonostante i 32 punti conquistati in stagione. I ragazzi di Caja vengono travolti da una Virtus che chiude bene davanti i propri tifosi nonostante nessuna velleità di classifica. Sassari sa solo vincere, i ragazzi di Pozzecco chiudono al quarto posto e non lasciano scampo a una Cantù che ci ha provato in tutti i modi.

Bologna-Varese 84-73 (17-19, 45-37, 67-59)
Bologna: Punter 8, Martin 6, Moreira 11, Pajola 3, Taylor 17, Baldi Rossi 2, Cappelletti, Aradori 10, Berti, M’Baye 15, Cournooh 3, Qvale 9. Allenatore: Djordjevic
Varese: Archie 3, Avramovic 30, Gatto ne, Iannuzzi, Natali ne, Salumu 11, Scrubb 9, Verri ne, Tambone, Cain 10, Ferrero 2, Moore 8. Allenatore: Caja
Arbitri: Rossi-Weidmann-Galasso.
Note:Tiri liberi: Bologna 17/25, Varese 12/21. Uscito per cinque falli: Archie.

Sassari-Cantù 87-81 (23-24, 50-44, 61-66)
Sassari: Spissu 15, Smith ne, Bamforth ne, Carter 4, Devecchi 3, Magro ne, Pierre 11, Gentile 2, Thomas 16, Polonara 17, Diop ne, Cooley 19. Allenatore: Pozzecco
Cantù: Gaines 25, Carr 15, Blakes 6, Baparape’ ne, Parrillo, Davis 2, Tassone ne, La Torre, Olgiati ne, Pappalardo ne, Stone 9, Jefferson 24. Allenatore: Brienza
Arbitri: Martolini-Giovannetti-Capotorto.
Note: Tiri liberi: Sassari 20/27, Cantù 10/17. Uscito per cinque falli: Thomas.

TRENTO ESPUGNA BRINDISI, CREMONA KO – Vittoria fondamentale per Trento che espugna Brindisi e blinda il sesto posto. Partita equilibrata fino all’ultimo quarto quando gli ospiti mettono a segno il parziale decisivo di 16-21 e portano a casa il successo. I pugliesi invece chiudono il campionato al quinto posto proprio davanti a Trento. Termina con una sconfitta la stagione regolare della Vanoli Cremona: i ragazzi di coach Meo Sacchetti cedono 82-81 in casa della Reggiana dopo un testa a testa trascinato sino all’ultimo secondo: è una sconfitta assolutamente indolore per Cremona che avrà la testa di serie numero due nei playoff. Partita straordinaria di Johnson che ne mette a referto 26 punti e regala una bella serata a Reggio Emilia che festeggia comunque un campionato sufficiente.

Brindisi-Trento 76-81 (20-19, 41-38, 60-60)
Brindisi: Banks 12, Rush ne, Gaffney 7, Zanelli 6, Orlandino ne, Guido ne, Moraschini 17, Clark 12, Cazzolato, Chappell 7, Taddeo ne, Brown 15. Allenatore: Vitucci
Trento: Marble 17, Pascolo, Mian 2, Forray 16, Flaccadori 14, Craft 4, Mezzanotte ne, Gomes 14, Hogue 14, Lechthaler ne, Jovanovic. Allenatore: Buscaglia
Arbitri: Paternicò-Borgo-Quarta.
Note: Tiri liberi: Brindisi 17/24, Trento 8/12. Usciti per cinque falli: nessuno.

Reggio Emilia-Cremona 82-81 (31-27, 55-43, 68-59)
Reggio Emilia: Mussini 9, Allen 6, Dixon 11, Candi ne, Richard 8, Gaspardo 9, Vigori 2, Johnson-Odom 26, Cervi, Ortner 5, Llompart, De Vico 6. Allenatore: Pillastrini
Cremona: Saunders 15, Sanguinetti 1, Gazzotti 2, Diener 3, Ricci 13, Ruzzier 7, Mathiang 7, Crawford 9, Aldridge 5, Stojanovic 19. Allenatore: Sacchetti
Arbitri: Attard-Belfiore-Calbucci.
Note: Tiri liberi: Reggio Emilia 13/15, Cremona 15/17. Usciti per cinque falli: Ortner e Stojanovic.

MOTO D’ORGOGLIO DI TORINO – Chiude terza in classifica l’Umana Reyer Venezia battendo Brescia 86-70: una partita che non aveva niente da dire, con gli ospiti fuori da tutti gli obiettivi. I lagunari partono forte e poi indirizzano definitivamente la partita nel terzo quarto (30-13 di parziale), mvp di serata Daye con 25 punti (4/6 dalla lunga distanza). Serata d’orgoglio per la Fiat Torino: i piemontesi, retrocessi in settimana per via della penalizzazione di -8 confermata dal Consiglio Federale, salutano la Serie A con una convincente vittoria contro Pesaro per 93-71. Partita mai stata in discussione con Jalteh (19 punti) e compagni che dominano in lungo e in largo dall’inizio alla fine.

Venezia-Brescia 86-70 (24-17, 39-40, 69-53)
Venezia: Haynes 13, Stone, Bramos 7, Daye 25, De Nicolao 3, Jerkovic , Biligha ne, Mazzola 5, Cerella 2, Watt 15, Vidmar 14, Casarin 2, Giuri ne. Allenatore: De Raffaele
Brescia: Hamilton 4, Abass 10, Vitali 3, Laquintana 4, Cunningham 14, Caroli 2, Beverly 4, Zerini 9, Moss 11, Sacchetti 5, Giacomo 4. Allenatore: Diana
Arbitri: Mazzoni-Perciavalle-Vita. Tiri liberi: Venezia 8/12, Brescia 10/17. Uscito per cinque falli: nessuno.

Torino-Pesaro 93-71 (26-17, 52-35, 76-54)
Torino: Wilson 12, Anumba 5, Hobson 18, Guaiana 4, Poeta 9, Cusin 2, Mcadoo, Jaiteh 19, Portannese 10, Moore 14, Cotton, Stodo. Allenatore: Galbiati
Pesaro: Blackmon 15, Artis 3, Conti 4, Lyons 4, Monaldi 11, Zanotti 9, Wells 4, Mockevicius 7, Morgillo 4, Ancellotti 5, Tognacci 3, Shashkov 2. Allenatore: Boniciolli
Arbitri: Biggi-Bartoli-Boninsegna.
Note: Tiri liberi Torino 18/25, Pesaro 4/5. Uscito per cinque falli: nessuno.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *