BASTIA SHOW, AGLIANESE BATTUTA E SUPERATA

Condividi l'articolo

Aglianese-Bastia 0-3
AGLIANESE (4-2-3-1): Bala; Chiti Leo. (Zellini al 16′ st), Tognarelli, Fedi, Zuccarelli (Nardini al 16′ st); Di Vito, Cortopassi; Rosati (Frati al 36′ st), Marzierli (Dingozi al 46′ st), Bibaj; Tempesti. A disposizione: Niccolini, Barellini, Zellini, Chiti Lor., Maccagnola, Macchioni, Nardini, Frati, Dingozi. Allenatore: Del Bianco.
BASTIA (4-3-3): Lillacci; Piergentili (Labonia al 50′ st), Fiorucci, Bagnai, Rosignoli; Trinchese, Colombi, Bura (Rebecca al 29′ st); Belli (De Iullis al 36′ st), Tascini (Falorni al 42′ st), Boldini. A disposizione: Alunni, Labonia, Muzhani, Bokoko, Giordani, De Iullis, Rebecca, Qoku, Falorni. Allenatore: Marini.
ARBITRO: Cardella di Torre del Greco, coadiuvato da Carraretto e Collavo di Treviso.
MARCATORI: 35′ pt Boldini, 8′ st Belli, 50′ st Trinchese
NOTE: Ammoniti: Belli, Tascini, Lillacci, Rebecca, Di Vito, Tognarelli. Angoli: 7-3. Recupero: 1′, 5′.

AGLIANA – È un Bastia meraviglia quello che, reduce dal primo successo in campionato nel turno infrasettimanale, si presenta al cospetto di un’Aglianese che di problemi ne ha da vendere e che proprio venerdì ha provveduto ad esonerare il proprio allenatore. Finisce in gloria per gli uomini di Marco Bonura che grazie a questi tre punti superano in classifica il proprio avversario diretto di ieri. La partita non ha avuto storia con i padroni di casa impauriti e spesso messi alle corde da una squadra, quella biancorossa, sempre ordinata e capace di far male, trascinata da un Bura formato Superman. È proprio il furetto bastiolo a creare il primo gol con una discesa travolgente sulla fascia destra, trasformata in oro da Boldini in tuffo di testa sotto misura. Il gol manda in confusione l’Aglianese mentre il Bastia legittima il vantaggio, rendendosi pericoloso dalle parti di Bala. La ripresa ricalca il canovaccio dei primi 45’ con i padroni di casa arruffoni e confusi e gli ospiti pronti a colpire: è l’8’ quando arriva il raddoppio biancorosso, firmato da Belli, uno dei migliori in assoluto di questo avvio di campionato. Il resto è accademia, con gli ospiti che non solo controllano il match, ma trovano anche il modo di arrotondare il successo al 90’ con una magistrale ripartenza che consente a Trinchese di timbrare il successo personale e mettere il sigillo ad una vittoria importante quanto voluta a dimostrazione che il giovane gruppo a disposizione di Bonura, una volta pagato lo scotto del salto di categoria, ha iniziato a far vedere il reale valore di una rosa assolutamente all’altezza della situazione.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *