Timeout Channel

Il Portale dello Sport

Brivido David, poi ci pensa Kluivert: 1-1 in casa Gent e la Roma è agli ottavi (news web Gazzetta.it)

Condividi l'articolo
Match non semplice per i giallorossi, al 29′ l’olandese firma il pareggio che vale la qualificazione

GENT – Con un bel carico di sofferenza, ma alla fine la Roma ce la fa e porta a casa una qualificazione preziosa agli ottavi di finale di Europa League. A regalare il passaggio del turno ai giallorossi è il gol di Kluivert, che spegne sul nascere gli entusiasmi della rete di David. Poi il Gent ci prova a lungo invano, ma il risultato non si schioda dall’1-1, nonostante alla fine il computo dei tiri dica 21 a 9 per il Gent. Per la Roma è anche una bella boccata d’ossigeno in vista della trasferta di Cagliari di domenica prossima.

BOTTA E RISPOSTA – C’è da segnare almeno un gol, da entrambi le parti. Il Gent per pareggiare almeno i conti, la Roma per mettere in sicurezza la qualificazione. Così è ovvio che lo spartito della partita sia quello scontato alla vigilia, con i belgi a fare costantemente la gara e la Roma a caccia di spazi per colpire con le ripartenze. Spartito che rischia di cambiare subito , dopo appena 52 secondi, quando un diagonale di Kolarov scheggia il palo esterno alla sinistra di Kaminski. Scampato il pericolo, il Gent comincia a organizzarsi ed a rendersi pericoloso. Thorup stavolta ha spostato Kums centralmente, inserendo Castro-Montes come esterno di spinta a destra, ma a fare il gioco in mezzo per il Gent è sempre Odjidja, con David davanti molto più frizzante rispetto all’andata. Per la Roma Kolarov e Mancini sbagliano tanto, mentre davanti Mkhitaryan alle spalle di Dzeko funziona bene. Bezus prova a rendersi pericoloso in un paio di circostanze, Smalling viene graziato per una trattenuta in area ai danni di Depoitre, mentre David al 25′ trova di piatto l’angolo giusto su cross dello stesso Bezus, complice anche una marcatura lenta lenta di Mancini. A spegnere gli ardori biancazzurri però ci pensa subito Kluivert, che al 29′ pareggia di piatto, sfruttando un assist perfetto in verticale di Mkhitaryan. Poi David prima sfiora il 2-1 girandosi in area (sempre su Mancini), poi costringe Veretout al fallo tattico a campo aperto, con il francese che salterà la prossima gara europea. Più in generale è anche in mezzo che la Roma fa fatica, anche perché Carles Perez aiuta poco nei ripiegamenti difensivi. Ma l’1-1 con cui i giallorossi vanno al riposo è preziosissimo e allora va bene anche così.

PRESSIONE BELGA – Nella ripresa la spinta del Gent diventa ancora maggiore, anche se poi di occasioni i belgi ne creano tante, ma nessuna pericolosissima. Pau Lopez dice no a David, Odjidja calcia alto da buona posizione e David lo imita al 19′. La Roma cerca di gestire la partita, provando ad addormentare anche i ritmi sul piano del palleggio. Al 24′ però il Gent va davvero ad un soffio dal 2-1, con il piatto di Odjidja in corsa che esce di un niente alla destra di Pau Lopez. Allora Fonseca corre ai ripari e manda dentro Santon per SpInazzola, mentre le carte di Thorup sono Chakvetazde e Kvillitaia. Poi Ngadeu-Ngadjui tira giù Kluivert in area di rigore, mentre Odjidja è ancora pericoloso da fuori. Allora Fonseca si copre ancora di più con Fazio (e Mancini alto a centrocampo), mentre Thorup mette anche Niangbo e passa ad un 3-3-4 superoffensivo. Odjidja mette ancora i brividi a Pau Lopez in un paio di circostanze, ma anche il pressing finale dei belgi non porta a nessun risultato. Passa la Roma. Soffrendo, è vero, ma contava soprattutto il risultato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *