La Voce del DirettoreTutte le notizie scritte dal Boss in persona

DOMANI AL VIA I PLAY-OFF

Condividi l'articolo

Altro che fuoco di paglia. Con un bel colpo di coda, Pistoia ha ‘cavalcato’ il suo straordinario girone di ritorno e conquistato meritatamente la qualificazione ai play off. Ma – con tutto il rispetto per la co-rivelazione del campionato (l’altra è Cremona!) – vi diciamo subito che l’avversaria della Scandone al primo turno è un competitor ostico ‘sì’, ma decisamente alla portata… ancor più al Paladelmauro, dove l’approccio alla sfida di squadra e pubblico dovrà essere ‘feroce’. Un’altra gara ‘da lupi’ – insomma – da vincere ad ogni costo. La giovane e pimpante pattuglia dello scugnizzo Esposito non annovera tra le sue fila nomi ‘importanti’ ma – evidentemente – amalgama ed entusiasmo (aggiunti ad una buona dose di fortuna) contano ancora parecchio. ‘Il monello’ di Terra di Lavoro si traveste da pompiere e teme molto – a buon ragione – ‘il nostro’ Avellino che – come dicono il campionato e la classifica – resta favorito. Il diggì Iozzelli (bravissimo!) ha puntato ancora sul format 5 + 5 e i risultati – almeno finora – gli danno ampiamente ragione. Coraggiosa la scelta di puntare su un’asse play – pivot costruita sull’esperienza dell’ex casertano Moore e la gioventù del gigante Kirk: centrone del New Mexico. Le due scommesse (stravinte!) del settore esterni si chiamano Knowles e Blackshear. Chiude il quintetto il tignoso e ‘sempreverde’ Antonutti che – negli anni – ha messo su un affidabile tiro da 3 punti. Infortunato l’americano Thornton, la Tesi Group è andata sul sicuro: trattenendo il lungo polacco Czyz – ottimo rimbalzista – ammirato di recente Roma. La panchina amaranto – in verità – non fa stropicciare gli occhi, tanto che Filloy e Lombardi fanno la parte dei veterani. Roster chiuso dalle promesse Amato, Mastellari e Severini. La missione della Sidigas – come detto – è sicuramente difficile, ma non impossibile. La strada verso la semifinale scudetto – difatti – passa innanzitutto da una prova di grande agonismo e fisicità.

 

 

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *