La Voce del DirettoreTutte le notizie scritte dal Boss in persona

Frosinone a secco dopo 6 partite. Eguagliato il record negativo del Catania 1970-71 (rs web Gazzetta.it)

Condividi l'articolo
Il clean sheet della Roma condanna i ciociari: solo i siciliani hanno “digiunato” tanto quanto la squadra di Longo in avvio di campionato. Ma c’è un precedente molto simile che fa ben sperare

MILANO — Con il 4-0 dell’Olimpico il Frosinone di Moreno Longo entra nella storia della Serie A con una statistica che certifica il suo inizio da incubo: zero gol realizzati nelle prime 6 giornate. Il digiuno prolungato dei ciociari eguaglia il record negativo del Catania della stagione 1970-71: mai nessuna squadra italiana ha fatto peggio. I siciliani all’epoca si sbloccarono alla settima giornata. Un avvio a rilento che costò la retrocessione con due giornate d’anticipo rispetto alla fine del campionato vinto dall’Inter di Boninsegna.

PEGGIOR DIFESA — Mentre l’attacco della neopromossa stenta a decollare, la difesa non ha ancora trovato il giusto equilibrio per affrontare i palcoscenici di serie A: i poker di Atalanta e Roma, la manita della Samp, il gol di Luis Alberto e la doppietta bianconera sono il triste bottino della difesa peggiore del campionato. Solo il punto conquistato nello 0 a 0 contro il Bologna consola gli uomini di Longo, che hanno sventato con largo anticipo il record negativo europeo di punti in avvio di stagione. Questo poco lusinghiero primato appartiene al Benevento che l’anno scorso ci mise 15 giornate per scrollarsi di dosso lo zero, grazie al miracoloso gol di Brignoli nel recupero contro il Milan.

SPERANZA — Nelle storia delle partenze zoppicanti c’è, però, un precedente molto simile che può far ben sperare i tifosi ciociari. Nella stagione 1998-99 il Venezia di Zamparini con Novellino in panchina e Marotta tra i dirigenti restò a secco nelle prime 5 giornate, sbloccandosi solo nella sesta gara contro l’Udinese. A gennaio sbarcò in Laguna il Chino Recoba che nell’Inter di Simoni trovava pochissimo spazio e la storia prese una piega diversa, con un’indimenticabile salvezza alla 33ª giornata proprio contro i nerazzurri.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *