Timeout Channel

Il Portale dello Sport

LA ROMA SBATTE CONTRO IL CATENACCIO DI INZAGHI: 0-0 AL VIGORITO

Condividi l'articolo

BENEVENTO – Una Roma stanca e rabberciata, non riesce a sfondare il muro eretto da un Benevento sceso in campo col chiaro intento di non far giocare la Roma e magari tentare di colpirla in contropiede. La squadra di Fonseca reduce dalle fatiche di coppa, fa possesso e giro palla ma se si eccettua un tiro di Pellegrini in diagonale respinto da Montipó di conclusioni verso la porta sannita, nemmeno l’ombra. Nella ripresa la partita si movimenta un po’ col Benevento che sembra allungarsi nel tentativo di portare pericoli alla porta di Pau Lopez. Il tutto però viene vanificato dal secondo giallo rimediato da Glik che lascia i suoi in 10. A questo punto mentre Inzaghi costruisce un muro di 10 persone nei 16 metri dell’area di rigore, Fonseca ricorre a tutte le sue armi per tentare di trovare il pertugio giusto. Nonostante la presenza in campo contemporaneamente di Pedro, Pellegrini, Borja Mayoral, Dzeko ed El Sharaawy, la Roma fatica più del lecito per rendersi pericolosa. Al 95’ poi gli Dei del calcio disegnano il finale thriller più beffardo che esista per i tifosi della Roma: El Sharaawy viene agganciato in area e l’arbitro Pairetto concede il penalty. Ci pensa il Var a riportare tutti alla cruda realtà, punendo un fuorigioco di rientro di Pellegrini. Finisce così a reti inviolate risultato che permetto comunque alla Roma di allungare su Napoli e Milan, quest’ultimo, tra l’altro, sarà l’avversario di scena all’Olimpico domenica prossima nel posticipo, anche se entrambe le squadre dovranno prima concentrarsi nel giovedì di coppa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *