Ascoltaci in Diretta

La Voce del DirettoreTutte le notizie scritte dal Boss in persona

LA ROMA VOLA ANCHE A MILANO… DZEKO E FLORENZI LA SPINGONO IN ALTO

Condividi l'articolo

MILANO – Una Roma cinica e spietata capace di soffrire ed anche di rinunciare a qualche pedina importante, vedi Perotti e dopo mezz’ora pure di Strootman oltre ai lungodgenti Karsdorp, Schick ed Emerson, roba che lo scorso anno avrebbe costretto l’allenatore a ricorrere a parecchie pedine della Primavera, esce corsara da San Siro con punti e certezze. La rosa allestita è composta da molte pedine di grande qualità e allora Florenzi alto alla Perotti, con Peres riproposto esterno basso di destra e Pellegrini in campo per Strootman. Il Milan si sistema molto coperto dietro, cercando di sorprendere Di Francesco anche con una squadra corta e pronta a ripartire con Andrè Silva e Calhanoglu. Il primo tempo è equilibrato con la Roma che fa la partita ma non riesce ad imbeccare Dzeko, anche per la poca vena di El Sharaawy da una parte e la poca partecipazione alle azioni offensive del sempre generoso Florenzi. L’ingresso in campo di Pellegrini, permette a Radja Nainggolan di tornare nel ruolo che predilige di mezz’ala sinistra. Nella ripresa la gara diventa molto più vivace anche perché il Milan decide di venire a giocarsela creando un paio di problemi ad Alisson che si dimostra sempre molto attento e sempre più decisivo. E così dopo aver sprecato una opportunità colossale con Florenzi, messo in porta da una verticalizzazione di Pellegrini, di gran lunga il migliore in campo, la Roma passa: Pellegrini se ne va a centrocampo serve Dzeko che controlla si accentra e lascia partire una conclusione che Donnarumma può solo osservare finire in fondo al sacco. Vantaggio Roma e settimo gol in campionato per il bosniaco. Si attende la reazione del Milan che invece esce frastornato dal gol subito e così la Roma passa ancora: Nainggolan porta a spasso tutto il centrocampo rossonero trova lo spazio per calciare in porta in diagonale; bravo Donnarumma a respingere, ma nulla può il portiere del Milan sul tap-in di Florenzi che torna al gol dopo l’infortunio e la doppia operazione che lo hanno tenuto fuori dai campi di gioco praticamente per un anno. Il Milan sbanda, la Roma spadroneggia: Nainggolan se ne va in contropiede costringendo il già ammonito Calhanoglu a commettere un fallo per evitare guai peggiori, ma Banti è lì e non può esimersi dall’estrarre il secondo giallo per il turco. La partita praticamente finisce qui con Di Francesco che toglie uno spento El Sharaawy e si copre con Gerson per congelare un risultato che non cambierà più, perché il Milan non ne ha più e la Roma si accontenta. Si accontenta di andare alla sosta con 6 punti in meno delle prime ed una partita da recuperare. Per una squadra considerata da sesto posto da tutti gli addetti, non male…
MILAN (3-5-2): G. Donnarumma; Musacchio, Bonucci, Romagnoli; Borini (39′ st Bonaventura), Kessie, Biglia, Calhanoglu, Rodriguez; Andrè Silva, Kalinic (34′ st Cutrone). A disposizione: Storari, A. Donnarumma, Abate, Zapata, Paletta, Calabria, Mauri, Locatelli, Montolivo, Suso. Allenatore: Montella.
ROMA (4-3-3): Alisson; Peres, Manolas (41′ st Juan Jesus), Fazio, Kolarov; Nainggolan, De Rossi, Strootman (30′ pt Pellegrini); Florenzi, Dzeko, El Shaarawy (33′ st Gerson). A disposizione: Skorupski, Lobont, Moreno, Castan, Gonalons, Under, Antonucci. Allenatore: Di Francesco.
ARBITRO: Banti di Livorno.
MARCATORI: 27′ st Dzeko, 32′ st Florenzi.
NOTE: Espulso al 35′ st Calhanoglu (M) per doppia ammonizione. Ammoniti: Biglia (M), Calhanoglu (M), Dzeko (R). Angoli: 5-5. Recupero: pt 2′, st 3′.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *