Ascolta "Goodmorning Football" su Spreaker.

La Virtus saluta le Final Eight: contro Bologna non bastano intensità e carattere

Condividi l'articolo

La Fortitudo rimonta e conquista la finale

Al PalaSavelli di Porto San Giorgio, nel match di semifinale di Coppa Italia di Serie A2 Old Wild West, la Virtus Roma non riesce a superare la corazzata Fortitudo, dopo un primo tempo perfetto.

È un inizio di tutto equilibrio quello al PalaSavelli, che vede entrambe le squadre segnare tanto: dopo i primi 5’ il tabellone segna 10-9. Il quarto continua a regalare emozioni e ritmi alti, con la Virtus che riesce a raggiungere anche il +9 con 5 punti consecutivi di Baldasso e chiudere la prima frazione di gioco sul 19-28.

Nel secondo quarto la Fortitudo attacca di più ma la Virtus risponde bene e allunga il vantaggio a 6’ dal termine del primo tempo, raggiungendo il +13 (30-43). Negli ultimi minuti la squadra bolognese, dopo un parziale di 7-0, si riavvicina accorciando la differenza punti. Il primo tempo si chiude 44-47.

Il terzo quarto comincia targato Fortitudo e nei primi 5’ gli uomini di coach Martino riescono a recuperare, fino ad andare in vantaggio (+3, 60-57) a pochi minuti dalla fine del periodo. La Virtus continua a segnare ma si ritrova, per la prima volta a chiusura di un quarto, sotto di 6 lunghezze per 69-63.

Nell’ultima frazione la Fortitudo allarga la forbice e si porta sul +18 (86-68), ottenendo il massimo vantaggio in partita e approfittando della stanchezza dovuta alle corte rotazioni Virtus per via degli assenti Sandri e Chessa. La Virtus conclude il periodo con un finale in crescendo, ma non basta: il match si chiude sull’89-80.

Il commento di coach Piero Bucchi al termine del match: «Sapevamo che la Fortitudo è un’ottima squadra. Abbiamo giocato degli ottimi 25’ poi abbiamo avuto un momento di blackout. Avevamo le rotazioni accorciate e la stanchezza l’ha fatta da padrona nel finale. Dobbiamo prendere fiducia da quello che di buono è stato fatto, essere sereni e, da qui, ripartire».

Il commento di Aristide Landi al termine del match: «Queste due partite di Coppa Italia hanno evidenziato qualche disattenzione difensiva da parte nostra. Sappiamo bene che per esprimere un buon gioco dobbiamo rimaniamo compatti in entrambe le fasi di gioco, offensiva e difensiva. Ora testa alle sette finali che ci aspettano in campionato, che non possiamo assolutamente sbagliare».

Fortitudo Bologna – Virtus Roma 89-80 (19-28; 44-47; 69-63; 89-80)

Fortitudo Bologna: Delfino 7, Sgorbati ne, Mancinelli 15, Benevelli, Leunen 11, Franco, Prunotto ne, Venuto 6, Rosselli 13, Fantinelli 10, Pini 14, Hasbrouck 13. All. Martino
Virtus Roma: Alibegovic 6, Lucarelli, Moore 16, Sandri ne, Baldasso 11, Saccaggi 4, Landi 10, Prandin 9, Sims 16, Santiangeli 8. All. Bucchi.

Ufficio Stampa Virtus Roma

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *