Timeout Channel

Il Portale dello Sport

ROMA È NERISSIMA LA NOTTE DELL’OLIMPICO

Condividi l'articolo

ROMA – Una Roma fragile molle e svagata regala alla Juventus 3 punti senza eccessiva sofferenza con un approccio da squadra di dopo lavoristi. Non bastasse a rendere ancor più nera la serata dell’Olimpico, il gravissimo infortunio riportato da Nicoló Zaniolo che a margine di una travolgente azione personale fermata al limite da un fallo, si procurava la rottura del crociato anteriore e del menisco, incidente che lo costringerà a finire sotto i ferri domani mattina. Tempi di recupero stimati in 6 mesi circa con tanti saluti alla seconda parte del campionato e agli Europei che vedranno impegnata l’Italia di Roberto Mancini presente in tribuna all’Olimpico. Pronti via e Kolarov si disinteressa di contrastare Demiral sul secondo palo a seguito di una palla calciata in area da Dybala: per il turco segnare è un gioco da ragazzi. Passano poco più di 5 minuti e Veretout, ricevuta palla da Pau Lopez, se la fa rubare da Dybala e lo stende concedendo un sacrosanto calcio di rigore con conseguente ammonizione del mediano ex viola. Ronaldo dal dischetto spiazza il portiere giallorosso, non certo ineccepibile contro i tiri dal dischetto. 11’ e partita già in ghiaccio per una Juve che invece di infierire sui resti dei calciatori giallorossi, trotterella e sbaglia l’inverosimile nel tentativo di far rientrare in partita i padroni di casa che dal canto loro, decidono di rifiutare qualsivoglia regalo concesso dagli avversari. Kolarov sbaglia tutto quello che può e anche di più, Dzeko si nasconde dietro a Demiral prima e Delight poi, visto che il turco autore del primo gol bianconero si infortuna ed è costretto ad uscire per lasciare il campo all’olandese ex Ajax. Il primo tempo della Roma è un obbrobrio tecnico tattico anche se la Juve scartati i doni dei primi minuti decide di non infierire su un avversario completamente in balia dell’ebrezza di una fredda serata invernale romana. Nella ripresa non cambia nulla nonostante Fonseca inserisca Cristante per Veretout, anche se il centrocampista ex Atalanta prova a suonare la carica. Il ritmo è da campionato Uisp, Ronaldo decide che un’altra doppietta è troppo e grazia Pau Lopez, mentre una estemporanea giocata di Under, dentro per l’infortunato Zaniolo, mette in difficolta Alex Sandro che cincischia toccando il pallone col braccio a 2 metri dalla porta. Rigore sacrosanto dopo un check review del direttore di gara. Perotti almeno dal dischetto risulta preciso e regala 23’ più recupero di partita. La Juve in contropiede spreca tutto e si vede annullare un gol di Higuain per fuorigioco, mentre Fonseca si gioca la carta della disperazione, ossia Nikola Kalinic tirato a lucido fisicamente ma non certo preciso e pericoloso dalle parti della porta juventina. Kolarov si pappa di testa il gol del pari tanto per ribadire la sua partita da incubo ed è tutto. Finisce così con tante notizie negative per i tifosi della Roma che si stringono intorno a Zaniolo, visto che per il resto non c’è davvero nulla da salvare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *