Roma Milan 2-1 (Pagelle)

Condividi l'articolo

Pau Lopez 6,5-Sicuro tra i pali e non sbaglia un passaggio con i piedi. Viene battuto solo da una deviazione di Smalling.

Spinazzola 6-Fonseca sembra aver scelto lui come titolare nel ruolo di esterno basso di destra. Non attento in occasione del goal rossonero di Hernandez. Esce affaticato nel finale dopo aver speso tutto sulla fascia destra. 

Fazio 6- Il Comandante   alterna cose buone  ad un paio di incertezze, di cui una molto rischiosa nel primo tempo. Sale alla distanza. Smalling 7-Non ha colpe sul goal del Milan, per il resto prestazione da incorniciare, il muro inglese in 1 mese si è conquistato Roma e la Roma. Non sbaglia mai le scelte sia in difesa che con il pallone tra i piedi. Sfiora il goal di testa, a forza di provarci arriverà anche quello Chris.

 Kolarov 6,5,-Dopo un periodo di appannamento, gestisce al meglio le risorse nella partita.Pecca di imprecisione talvolta nell’ ultimo passaggio. Sfiora il goal su punizione. 

Mancini 7-Viene confermato da Fonseca in mediana e si migliora ancora. Difende, contrasta, attacca, è l’elemento di raccordo tra i vari ruoli e le due fasi. È suo l’assist di testa per il goal di Dzeko, peccato per il goal sbagliato clamorosamente di testa . 

Veratout 6,5- Il motorino belga controlla per gran parte la mediana, tenendo a bada i dirimpettai rossoneri.  Per i suoi strappi, per le sue giocate e per i suoi tiri dalla distanza lo aspettiamo nelle prossime partite. 

Zaniolo 7-Nono goal all’Olimpico in maglia giallorossa per il talento romanista. Sfiora anche in altre occasioni il goal. Spina nel fianco continua della difesa rossonera. Si attende nel finale solo per i crampi. 

Pastore 7-Una delle sue migliori prestazioni in giallorosso, se non la migliore. Intensità, qualità, quantità e fisicità nella sua gara. Potrebbe realizzare il 2-0 facendosi respingere la conclusione da Donnarumma quasi a botta sicura. Tiene fino all’ultimo e si prende più volte gli applausi meritati dell’Olimpico che ne apprezza l’impegno e l’abnegazione oltre alla sua immensa qualità. 

Perotti 6,5- L’autonomia ridotta lo tiene in campo per 52 minuti, in questo periodo,  assist, pressing e fa ammonire Musaccho nell’uno contro uno. 

Dzeko 7,5- Terza partita con la maschera per il bosniaco. Vince ogni duello di testa. Realizza di testa da pochi passi sbloccando il match e nell’occasione perde anche la maschera. L’azione del 2-1 parte da una sua palla recuperata e poi il filtrante nell’area. Partita stoica  del cigno di Sarajevo che nel finale invoca l’aiuto dell’Olimpico. Leader a tutto campo. 

Antonucci 6-Entra al posto di Perotti, dopo la timidezza iniziale, copre come può la fascia facendosi notare più in chiusura che in fase propositiva.

Cetin 6,5,-Esordisce in A con la Roma all’Olimpico, in una gara aperta e lui cosa fa, gioca con disinvoltura e personalità sorprendendo il pubblico dell’Olimpico, condendo il tutto con due chiusure ed un dribbling. Dopo due mesi fuori tra influenze, dente del giudizio ed infezioni, la Roma sembra aver trovato un altro centrale e terzino di affidamento.

Santon sv- Un paio di falli nel finale, di cui uno da brividi al limite per la punizione di Calhanoglu. 

Mvp Dzeko 7,5 

Fonseca 7-Dopo 4 pareggi consecutivi tra campionato ed El , si torna alla vittoria in maniera meritata. Difende la squadra dopo le frustrazioni dovute al furto in Europa League. Alla vigilia di coccola Zaniolo dopo le dichiarazioni di Capello che lo ripaga con il goal partita. Mancini è una sua intuizione a centrocampo e sta rigenerando Pastore. 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *