ROMA-SASSUOLO: LE PAGELLE DEI GIALLOROSSI

Condividi l'articolo

PAU LOPEZ 6,5 Parate particolari non ne fa, ma è attento alle gite fuori porta, quando il suo pacchetto arretrato si fa bucare. Sui gol non può davvero nulla.

FLORENZI 6,5 Contachilometri scaricato anche oggi. Visibilmente spompato, non riesce a tenere la posizione, in occasione del secondo gol del Sassuolo. Sostituito tardivamente.

MANCINI 6,5 Lui e Fazio cominciano a coordinarsi e per 45’ il loro movimento è perfetto. Uno accorcia (spesso Fazio) uno scappa alla bisogna (spesso lui). Va pure vicino al gol cogliendo un palo di testa, la sua specialità. Cresce…

FAZIO 6,5 Nel primo tempo dimostra di aver studiato e nelle imbucate avversarie si fa trovare spesso nella posizione giusta al momento giusto. Nella ripresa lavoro meno evidente ma comunque attento.

KOLAROV 6,5 Ha massimo 70’ di autonomia a questi ritmi. Bello l’assist a Dzeko per il 2-0, sempre pronto a proporsi in fase offensiva. Sul secondo gol del Sassuolo arriva con ritardo astronomico su Berardi.

CRISTANTE 7 Sblocca la partita con un colpo di testa sontuoso, sul primo palo alla De Rossi. Con Veretout al suo fianco riesce a mantenere la lucidità per tutti e 90 i minuti.

VERETOUT 7 Esordio coi fiocchi e non è un caso se il primo tempo la Roma rischia praticamente niente. Sembrava essere dappertutto, come se in campo ce ne fossero 2. Sarà fondamentale per il resto della stagione.

KLUIVERT 7,5 È il colpo a sorpresa del mister che lo preferisce a Zaniolo, nonostante un inizio di campionato non propriamente da ricordare. Fa uscire pazzo Peluso e trova anche il primo gol personale in campionato.

PELLEGRINI 8 Ritrova la posizione che gli aveva disegnato Di Francesco. Qui diventa mostruoso. Regala assist a gogo e timbra pure un palo clamoroso che gli nega il gol.

MKHITARYAN 7 Dopo 22’ di studio, segna il suo primo gol giallorosso. Va a sprazzi ma le giocate sono sontuose. Con Kolarov sembra che giocano insieme da una vita. Si sacrifica molto e per questo arriva al 90’ stremato.

DZEKO 7 Gol da attaccante vero, tante giocate al servizio della squadra. Mezzo voto in meno per i gol che si mangia per eccesso di morbidezza. Becca pure una traversa di testa che però sa più di gol mangiato che di sfortuna.

SPINAZZOLA 6 Entra per Florenzi e risistema un po’ le cose a destra, dopo il gol del 4-2.

ZANIOLO 6,5 L’escluso di lusso entra bene in partita nella posizione di alto a destra al posto Kluivert. Genera scompiglio nella già fragile difesa neroverde.

PASTORE 5 In campo giusto il tempo per papparsi un gol pazzesco su assist di Zaniolo: lui finisce dentro la porta, la palla incredibilmente fuori.

FONSECA 6,5 La sua prima vittoria italiana ufficiale la costruisce con una preparazione della partita quasi perfetta. Poi però durante i 90’ mostra dei limiti abbastanza tangibili: toglie tardi Florenzi ormai senza batteria e per questo incassa il gol del 4-2; cambia Kluivert, il più in palla invece di Mkhitaryan nel finale, con l’armeno che sembrava aver dato tutto ciò che aveva in corpo. Per non parlare dell’ingresso di Pastore su cui stendiamo un lo pietoso.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *