Ascolta "Goodmorning Football" su Spreaker.

Sampdoria-Frosinone 0-1, Ciofani firma il colpo dei ciociari (rs web Repubblica.it)

Condividi l'articolo

La squadra di Baroni sbanca il Ferraris con una rete dell’attaccante e si rilancia in chiave salvezza

GENOVA – La più brutta Sampdoria della stagione si butta via nel modo peggiore e in novanta minuti inconcludenti rischia di mandare al diavolo ogni sogno di gloria europea. Non era mai capitato alla squadra di Giampaolo di giocare così male e d’infilarsi in un dominio così sterile e improduttivo: fa effetto sapere che i blucerchiati hanno avuto un possesso di palla vicino al settantacinque per cento, creando però solo un paio di occasioni da gol, simbolo di una prestazione confusa, poco lucida, più basata sui nervi che sull’intelligenza tattica.

Di tutto questo ringrazia il Frosinone, che con questa vittoria per uno a zero torna a pensare prepotentemente alla salvezza. A dare fiducia è il rendimento esterno, i tre successi a Ferrara, Bologna e ora Genova, di cui due consecutivi, con cinque reti all’attivo e zero al passivo, quegli undici punti sui sedici in tutto conquistati che danno un po’ di polpa ad una classifica altrimenti anemica, sommato ad una voglia di lottare, una capacità di soffrire, d’intasare gli spazi lavorando di gruppo, qualità elogiate a fine partita dal tecnico Baroni, che probabilmente faticano ad emergere quando la squadra si esibisce davanti al proprio pubblico.

Giampaolo, decisamente arrabbiato per questa imprevista battuta d’arresto, non lo ha nascosto: senza cercare alibi, ha ammesso come la propria squadra non sia mai riuscita a trovare il bandolo della matassa, ad infilarsi con la giusta testa nella partita. Il gol subito al 26’ del primo tempo, difesa blucerchiata chiamata in causa, specialmente in un Colley troppo leggero in marcatura, almeno quanto la bravura di Ciofani nel deviare di prima intenzione un cross di Goldaniga, può avere rappresentato uno choc per i padroni di casa, abituati a Marassi a comandare, come dimostravano le quattro vittorie consecutive prima di questo clamoroso passo di falso, ma il tempo per recuperare c’era e invece la Sampdoria ha finito per aggrovigliarsi su se stessa, sfiorando il pareggio solo al 36’ del primo tempo, un tiro al volo di Quagliarella, sbucato da una mischia, deviato sul palo da Sportiello e al 39’ della ripresa, con un colpo di testa di Colley su azione susseguente a corner deviato miracolosamente dal portiere del Frosinone.

Troppo poco per una squadra che vorrebbe lottare per l’Europa e troppo poco per soddisfare Giampaolo, onesto e critico nel riconoscere che a questa Sampdoria confusa stavolta è mancata la qualità, la forza individuale, l’abilità di un singolo che potesse far saltare il muro avversario. In tanti hanno giocato sotto la sufficienza, da Saponara al suo sostituto Ramirez, da Gabbiadini al subentrato Defrel, per non parlare dei centrocampisti Linetty e Praet (sceso in campo non al meglio), mai in grado di trovare i tempi giusti per l’inserimento o degli esterni di difesa, l’opaco e incerto Beresynki (Sala avrebbe dato più sostanza tecnica) e il surrogato Tavarez, chiamato a sostituire lo squalificato Murru e incolore nel suo esordio dal primo minuto.

Altra atmosfera in casa del Frosinone, che si gode il ritrovato Ciofani: non segnava da una vita, il gol potrebbe sbloccarlo.In più, l’ottimo portiere Sportiello e un collettivo che con la cura Baroni pare aver più voglia di credere nella salvezza rispetto alla gestione Longo. Certo, il cammino immediato resta da brividi, l’ostacolo si chiama Juventus, a Torino non basterà solo una grande diga davanti alla difesa come a Genova, ma in fin dei conti Bologna ed Empoli ora sono solo a due punti. Dal tunnel non si vede ancora la luce, ma almeno adesso Chibsah (a cui nel finale è stato legittimamente annullato un gol per fuorigioco) e i suoi compagni possono parlare di penombra.

Sampdoria-Frosinone 0-1
Sampdoria (4-3-1-2): Audero, Bereszynski, Colley, Andersen, Tavares, Praet, Ekdal (29′ st Sau), Linetty, Saponara (11′ st Ramirez), Quagliarella, Gabbiadini (12′ st Defrel) ( 33 Rafael, 72 Belec, 4 Vieira, 7 Sala, 14 Jankto, 25 Ferrari, 26 Tonelli) All.: Giampaolo.
Frosinone (3-5-2): Sportiello, Goldaniga, Salamon, Capuano, Zampano, Chisbah, Maiello, Cassata (28′ st Gori), Beghetto, Ciano (32′ st Trotta), Ciofani (91 Iacobucci, 3 Molinaro, 7 Paganini, 14 Errico, 16 Valzania, 21 Sammarco, 32 Krajnc, 34 Verde, 89 Pinamonti, 92 Viviani). All.: Baroni.
Arbitro: Marinelli di Tivoli.
Rete: nel pt 25′ Ciofani.
Angoli: 9 a 2.
Recupero: 0′ e 5′ .
Ammoniti: Cassata, Tavares, Ciano, Gabbiadini, Linetty per gioco scorretto, Sportiello per comportamento non regolamentare.
Spettatori: 18937 di cui paganti 1880 e abbonati 17057.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *