Timeout Channel

Il Portale dello Sport

Verona-Roma 1-3: Kluivert, Perotti e Mkhitaryan. Fonseca è quarto (news web CdS.it)

Condividi l'articolo
Pellegrini e compagni mettono in campo qualità e carattere, collezionano la quinta vittoria nelle ultime sei giornate e rispondono alla Lazio

VERONA – Una vittoria meritata, sofferta e di grande valore. Sotto una pioggia incessante, la Roma passa al Bentegodi con i gol di Kluivert, Perotti (su rigore) e Mkhitaryan confermando di essere ormai una squadra matura per la zona Champions. Nonostante la stanchezza per la trasferta di Istanbul e un avversario in grande forma, la squadra di Fonseca mette in campo qualità e carattere, colleziona la quinta vittoria nelle ultime sei giornate di campionato e mantiene così il quarto posto, a due punti dalla Lazio.

ROMA IN VANTAGGIO CON KLUIVERT – Senza Zaniolo, fuori per squalifica, Fonseca lancia Ünder dal 1′ al fianco di Pellegrini e Kluivert. In difesa conferme per la coppia Smalling-Mancini in mezzo e Santon a destra, di nuovo preferito a Spinazzola e Florenzi. Dall’altra parte, Juric si affida ad Amrabat e Pessina a centrocampo. In avanti Zaccagni e Verre alle spalle di Di Carmine. Con la solita grande pressione a tutto campo, il Verona prova a mettere in difficoltà la manovra giallorossa ma, dopo un quarto d’ora, la squadra di Fonseca trova lo spazio giusto. Bellissimo l’assist in profondità di Pellegrini, perfetto il tempismo di Kluivert che di destro batte Silvestri.

PEROTTI ENTRA E SEGNA DOPO SEI MESI – Passata in vantaggio, la Roma ha però un calo di tensione e dopo 3′ il Verona pareggia. Sul preciso cross dalla sinistra di Zaccagni, Faraoni di testa è pronto sul secondo palo e fa 1-1. Un po’ sfiduciata, la squadra di Fonseca perde qualche certezza in difesa e rischia. Dopo un’occasione per Pellegrini e l’infortunio muscolare (il tredicesimo caso dall’inizio della stagione giallorossa) di Kluivert (al suo posto Perotti), il Verona va vicina al raddoppio in due occasioni. Prima con Rrahmani, che colpisce il palo esterno di testa. Poi con Faraoni, che si vede annullare la doppietta dal Var per un fuorigioco. Nel finale di tempo, però, la Roma si ripropone in avanti e al 44′ Gunter atterra Dzeko in area. E’ rigore, che Perotti non sbaglia (non segnava da sei mesi).

MKHITARYAN, UN ALTRO RITORNO AL GOL – Nella ripresa il Verona torna a spingere con convinzione. La posizione sulla trequarti di Zaccagni e Verre mette in difficoltà la difesa giallorossa. Juric vede la Roma in affanno e ci prova inserendo Salcedo. Fonseca risponde con Mkhitaryan al posto di Ünder. Dopo un’occasione per Smalling di testa e gli inserimenti di Veloso, Pazzini e Fazio (al posto di Dzeko), la spinta finale del Verona si spegne al 92′ sul contropiede iniziato da Pellegrini, rifinito da Perotti e concluso da Mkhitaryan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *