Timeout Channel

Il Portale dello Sport

VIRTUS ROMA-UMANA REYER VENEZIA 71-89: PER OGGI VA BENE COSI’

Baldasso Tommaso Virtus Roma - Umana Reyer Venezia Lega Basket Serie A 2020/2021 Roma, 08/11/2020 Foto Gennaro Masi / Ciamillo-Castoria

Condividi l'articolo

ROMA – Virtus Roma – Umana Reyer Venezia 71-89 (15-28; 43-52; 53-66)

Virtus Roma: Hadzic, Biordi 1, Beane 3, Campogrande 18, Baldasso 16, Cervi 4, Hunt 14, Robinson ne, Farley, Nizza ne, Wilson 15. All. Bucchi.

Umana Reyer Venezia: Casarin, Stone, Bramos 17, Tonut 15, Daye 10, Denicolao 4, Vidmar 10, Chappel 9, D’Ercole 2, Cerella 3, Possamai, Fotu 19. All. De Raffaele.

La Virtus Roma esce sconfitta con la Reyer Venezia fra le mura amiche per 71-89. I ragazzi di Bucchi, come annunciato in precedenza, hanno dovuto fare a meno di Robinson per un problema muscolare alla schiena, pagando alla distanza le minori rotazioni rispetto ai veneti. Dopo un buon inizio di Roma con capitan Baldasso (7 punti) in evidenza, Venezia dà il primo strappo negli ultimi 3’ del 1° quarto con un parziale di 2-15 che la porta a chiudere il periodo avanti 15-28. La Virtus reagisce nel 2° periodo, torna sotto di sei lunghezze (25-31) al 7’, ma gli ospiti fanno affidamento su un Bramos da 14 punti nel 1° tempo per tenere il vantaggio che viene comunque ridotto al 43-52 all’intervallo grazie a 9 punti di Campogrande nel quarto. In un 3° periodo a molto bloccato, Wilson commette il 4° fallo personale dopo 6’ di gioco, accorciando ancora l’organico capitolino: gli ospiti ne approfittano per tenere a distanza i romani ed entrare negli ultimi 10’ avanti 53-66. La truppa di De Raffaele portano l’abbrivio positivo anche nel periodo finale e grazie a due triple di Daye toccano il +19 (61-80 per il massimo distacco) con 6:30 sul cronometro chiudendo mentalmente la contesa.

La Virtus Roma sarà in trasferta a Varese nell’8° giornata di campionato domenica 15 novembre alle ore 18:00.

Le parole di coach Piero Bucchi«Per 35’ abbiamo fatto un grande sforzo tenendo testa a una squadra come Venezia, ma con una settimana difficile alle spalle di più non si poteva fare e alla fine siamo andati in difficoltà commettendo errori, sentendo la fatica. Ringrazio i ragazzi della panchina che stanno lavorando sodo, nonostante alcuni non siano ancora pronti per questo livello».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *