Timeout Channel

Il Portale dello Sport

Atalanta-Lazio 1-3, Inzaghi si prende la rivincita: vittoria e sorpasso su Gasperini (rs web ilMessaggero.it)

Condividi l'articolo
I biancocelesti espugnano il Gewiss Stadium

BERGAMO – La rivincita è servita. La Lazio espugna il Gewiss Stadium e sorpassa in classifica proprio l’Atalanta: è la quinta vittoria consecutiva in campionato per la squadra biancoceleste, che si lascia alle spalle la sconfitta in Coppa Italia. Finisce 1-3: segnano Marusic, Correa e Muriqi, con quest’ultimo al secondo centro in 4 giorni. Inutile per i nerazzurri la zampata di Pasalic che per 2′ ha riaperto la partita.

Un’affermazione meritata per la squadra di Inzaghi, che trovando subito la rete del vantaggio (al 3′ i biancocelesti erano già sopra) è riuscita a mettere la partita sui propri binari. Quelli che hanno permesso di chiudere tutti gli spazi davanti a Reina – mai impegnato e incolpevole sul gol – e ripartire velocemente sfruttando le invenzioni di Milinkovic e la corsa di Lazzari.

Nel primo tempo, oltre alla rete di Marusic, Milinkovic ha colpito il palo. Sfortunato. La Dea invece non è mai riuscita a cambiare ritmo: Zapata è stato imbrigliato da Acerbi e Ilicic si è acceso a tratti. Troppo poco per Gasperini. A inizio ripresa è arrivato praticamente il colpo del ko: spizzata di Immobile per Correa che salta Gollini prima di depositare a porta vuota. L’Atalanta ha pagato mentalmente il colpo, ed è rientrata in gara solamente grazie alla giocata di Muriel che ha permesso a Pasalic di segnare a porta vuota. Inzaghi ha subito piazzato però i cambi decisivi, inserendo Pereira e Muriqi: il primo ha così servito l’assist per il kosovaro, che ha ringraziato ed ha appoggiato in rete la palla che ha fissato il risultato. Tutto molto semplice. 

Un risultato giusto, maturato con una prestazione da grande squadra. Adesso la formazione di Inzaghi ha agganciato la Roma in classifica. Ma, al di là di quello che succederà stasera all’Olimpico, rimane il fatto che i biancocelesti hanno definitivamente cambiato il senso della propria stagione. E Lotito è pronto a chiamare per far firmare il rinnovo al suo tecnico. Stavolta non ci sarà nessuna richiesta di chiarimenti, ma solo congratulazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.