Timeout Channel

Il Portale dello Sport

IL NAPOLI ESPUGNA L’OLIMPICO

Immagine presa da 'tuttosport.com'

Condividi l'articolo

ROMA – Ci ha creduto la Lazio. Ha provato in tutti i modi a ribaltare la gara. E alla fine ci è riuscita, con un gol magistrale di Pedro. Tuttavia, i biancocelesti non avevano fatto i conti con la tenacia del Napoli. I partenopei sono stati più forti. Più forti dal punto di vista tattico, fisico e soprattutto mentale. La forza psicologica nel vedersi rimontare a due minuti dal novantesimome riuscire a passare in vantaggio in pieno recupero. Tre punti fondamentali per il Napoli, che permettono ai ragazzi di Spalletti di agguantare il Milan in vetta. Dall’altra parte, una sconfitta pesante per la Lazio, che esce dalla zona europa – superata dalla Roma – anche se resta comunque a -1 dalla Conference.

LA GARA

Nella prima frazione di gioco, tante occasioni da una parte e dall’altra. Tuttavia la Lazio risulta la squadra pericolosa. Nonostante ciò, è come se la porta difesa da Ospina fosse stregata: la palla non entra. E questo, probabilmente, sta diventando un problema per Sarri perché per vincere le partire è necessario capitalizzare e sfruttare quanto creato. Anche il Napoli si fa sentire, ma Strakosha è ben piazzato.

Il primo gol della gara arriva dopo un’ora di gioco, al 62′. Elmas serve Insigne, il quale piazza la sfera nell’angolino. Dopo lo 0-1, il Napoli spinge il piede sull’acceleratore, per cercare di uccidere definitivamente la Lazio. Al 69′ viene annullata la doppietta ad Insigne, per posizione di fuorigioco. Scorrono i minuti e il novantesimo si avvicina: Pedro mette il turbo. In una prima occasione, lo spagnolo calcia in porta, ma Ospina allontana con i pugni. Successivamente, all’89’, l’ex Chelsea sugli sviluppi di un calcio di punizione si coordina al volo e lascia partire una conclusione formidabile, che non lascia spazio all’estremo difensore del Napoli. E quando tutto sembra ormai scritto e definito, arriva la beffa: Elmas taglia la retroguardia biancoleste, serve Insigne che appoggia per l’arrivo di Fabian Ruiz, il quale dona al pallone una traiettoria a dir poco perfetta. 1-2. E’ il 94′ e non c’è più tempo. Triplice fischio, il Napoli espugna l’Olimpico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.