Timeout Channel

Il Portale dello Sport

Garcia si gioca la Roma tra Samp e Palermo: ora dimostri di poter guidare la squadra (rs web ilmessaggero.it)

WCENTER 0XPJBJQCGN Roma's coach Rudi Garcia prior the Italian Serie A soccer match AS Roma vs Juventus FC at Olimpico stadium in Rome, Italy, 30 August 2015. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Condividi l'articolo

immagine Garcia si gioca la Roma tra Samp e Palermo: ora dimostri di poter guidare la squadra

Il turn over è il problema? Forse è solo un problema all’interno del Problema. Con la P maiuscola. Possibile che la Roma non riesca a battere il Sassuolo pur facendo cinque (più uno) cambi rispetto alla sfida contro il Barcellona? Possibile. Specie se in campo la squadra non gioca al calcio, se non sa organizzare una manovra offensiva degna di questo nome. Poi, se si cambia formazione per quasi la metà degli undici, allora diventa ancor più complicato. Garcia se l’è presa un po’ con tutti, tranne che con se stesso. Ironicamente, rispondendo a chi gli faceva notare di aver sottolineato solo responsabilità altrui, Rudi ha risposto piccato: «Allora è colpa mia». Non è (tutta) colpa sua, ma un bel po’ sì. Non è colpa sua se Salah si divora due gol fatti, questo è ovvio. Lo è invece se le uniche occasioni sono state create con ripartenze veloci e con la solita palla sulla velocità di Salah; lo è se i difensori sbagliano i movimenti e le posizioni, anche perché schierati con tre su cinque (Torosidis, Maicon e De Sanctis) nuovi, di cui uno (Maicon) non brillante sotto l’aspetta fisico, un altro (Torosidis) destro spostato a sinistra e un altro ancora (De Sanctis) evidentemente disabituato ad avere davanti uomini con cui ha giocato poco (tra l’altro Morgan è il meno responsabile, diciamo il meno peggio dei difendenti).

EDIN SÌ EDIN NO
Una squadra ben organizzata, insomma, riesce a sopportare bene anche un turn over massiccio. Si è sempre detto: serve un centravanti spacca-porte per sopravvivere nella partite complicate, specialmente quelle in casa e con le piccole. Il centravanti c’è, Dzeko, la piccola è arrivata e Garcia ha concesso al bosniaco solo gli ultimi venti minuti. Pochi, forse. Qualcosa non quadra. Tra l’altro le big d’Europa, se ricorrono alla girandola dei cambi, lasciano sempre dentro i big, o comunque l’ossatura della squadra non viene stravolta.

LA FIDUCIA NEL E DAL GRUPPO
Scollamento c’è nel gruppo con chi si è sentito puntare il dito quando ha fatto riferimento a coloro che non hanno reso pur non avendo giocato con il Barcellona. Freschi e immotivati, questo è il senso, e valeva per Iturbe, per Maicon e per magari Torosidis. C’è pure chi ha visto in quella frase un piccolo/grande attacco ai nuovi preparatori. Può darsi, anche se certe prese di posizione lo scorso anno non le aveva mai prese contro Rongoni. I rapporti con Norman e soci – raccontano – è molto professionale, ma i due gruppi (il tecnico e fisico) non vivono in simbiosi. Ma questo conta poco, perché vale il rispetto del lavoro reciproco e questo, a quanto pare, esiste. Basterà? Vedremo. Vedremo anche se il gruppo manterrà la fiducia nel proprio tecnico, già vacillata nella passata stagione. Rudi, secondo i bookies, è anche a rischio esonero. Esagerazioni? Anche qui, vedremo. Garcia ha una decina di giorni per giocarsi la credibilità, soprattutto versi tanti tifosi che l’hanno preso di mira: Sampdoria domani, poi Carpi, Bate Borisov e Palermo prima della sosta. Quattro partite verità, per non prendere la via di non ritorno.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.