Timeout Channel

Il Portale dello Sport

L’Atlante sfiora il colpaccio con Scafati

Condividi l'articolo

Atlante Eurobasket Roma – Givova Scafati 79-80

(18-16, 13-16, 19-35, 29-13)

Atlante Eurobasket Roma: Roberto Gallinat 25 (4/8, 2/5), Jamal Olasewere 16 (5/11, 0/0), Lorenzo Bucarelli 12 (2/5, 1/2), Alexander Cicchetti 9 (3/10, 0/1), Daniele Magro 8 (3/7, 0/1), Kenneth Viglianisi 7 (0/0, 1/2), Eugenio Fanti 2 (1/3, 0/2), Gabriele Romeo 0 (0/0, 0/0), Janko Cepic 0 (0/0, 0/2), Valerio Staffieri 0 (0/1, 0/0), Federico Bischetti 0 (0/0, 0/0)Tiri liberi: 31 / 42 – Rimbalzi: 37 6 + 31 (Jamal Olasewere 13) – Assist: 12 (Lorenzo BucarelliEugenio FantiGabriele RomeoJanko Cepic 2)

Givova Scafati: Darryl joshua Jackson 23 (2/3, 5/10), Charles Thomas 21 (4/11, 1/5), Valerio Cucci 10 (3/7, 1/1), Lorenzo Benvenuti 9 (2/4, 1/3), Mattia Palumbo 5 (1/3, 1/2), Tommaso Marino 5 (0/0, 1/2), Riccardo Rossato 3 (1/5, 0/0), Luigi Sergio 2 (1/1, 0/2), Bernardo Musso 2 (1/5, 0/3), Nemanja Dincic 0 (0/0, 0/0)Tiri liberi: 20 / 22 – Rimbalzi: 42 10 + 32 (Valerio Cucci 11) – Assist: 9 (Tommaso Marino 4)

Ancora una volta un finale con molti dubbi condanna immeritatamente un’Atlante Eurobasket contro una delle big del campionato, quella Givova Scafati nettamente superiore ai romani nella gara d’andata di una settimana fà. Conclusione amara per il team del bravo Damiano Pilot per una decisione arbitrale nell’azione decisiva nella quale Roberto Gallinat si vedeva comminare un’infrazione di passi mentre, alla platea presente, era apparso netto il contatto subito dall’americano. Fischio, sicuramente ben valutato dal commissario di campo Mastrantoni, venuto da un componente della terna già visto al PalaAvenali che, come in passato, si era reso protagonista di decisioni, sempre nell’azione decisiva, contestate dalla squadra di casa. Scafati deve sudare sette camicie contro un’Atlante che ormai non teme più nessuno, ma che deve sicuramente evitare quei cali di concentrazione già fatali sia contro Forlì sia nell’andata contro lo stesso Scafati. Dopo un primo quarto molto equilibrato, con ospiti al massimo avanti di 3 punti al secondo dopo una tripla di Jackson e analogo scarto per i romani al sesto sul 10 a 7 e al nono sul 16 a 13, si chiudeva con i padroni di casa avanti con uno scarto minimo di due punti. Seconda frazione analoga alla prima con l’Atlante sempre avanti di qualche lunghezza con Bucarelli e Magro tra i migliori, ma i campani con un buon finale di quarto e i canestri di Thomas, Jackson e Marino riuscivano ad andare al riposo con un solo punto di margine sul 31 – 32. Gara apparentemente apertissima e ospiti ben lontani da quanto fatto in gara d’andata, ma al rientro in campo dagli spogliatoi blocco improvviso dei romani che dopo un inizio sulla falsariga dei periodi precedenti calavano in intensità e precisione subendo i colpi dei soliti Jackson, Thomas ai quali si aggiungevano Palumbo e Sergio. Massimo vantaggio al 9° con Cucci e una tripla di Thomas che davano il +17 al team campano (50 – 67) e Atlante che vedeva allontanarsi la possibilità di ottenere un successo importante per il proprio cammino. Ma guai a creder finita una gara del team di casa che in breve rispolverava la sua consueta grinta e difesa aggressiva mettendo alle strette un team avversario incredulo di una così veemente reazione. Con un parziale di 23 a 5 in sette minuti, frutto delle prove di Gallinat, Cicchetti e Fanti, l’Atlante tornava a condurre sul 73 a 72, ma gli ospiti reagivano con Cucci e Thomas tornando sul +4 ad un minuto e mezzo dalla sirena finale (74 – 78). Tentativo di nuova fuga bloccato dalla tripla del -1 di Viglianisi, ma Thomas con due liberi riportava i suoi sul +3 a 48 secondi dal termine con Pilot a chiamare immediato timeout. Rientro in campo e antisportivo immediato fischiato a Jackson con Gallinat che non sbagliava i successivi due liberi con 17 secondi da giocare e palla in mano ai romani, ma, come già descritto, la contestata decisione dell’arbitro umbro sulla penetrazione di Gallinat , nell’ultima azione dava i due punti agli ospiti. Finale non degno della bella gara, con proteste della panchina romana, ma con gesti decisamente evitabili e offensivi del duo Jackson- Thomas che provocavano la reazione dei pochi sostenitori presenti, che nulla avevano fatto per subire una simile reazione dei due validi giocatori campani. Da segnalare fra i singoli la prova di Gallinat e Olasewere tra i padroni di casa con il secondo dominatore sotto canestro con 13 rimbalzi e di 16 punti mentre per i campani oltre al duo USA grande apporto del solito Valerio Cucci e di un buon Benvenuti. Atlante che nel prossimo turno farà visita alla Cestistica San Severo penultima a soli 8 punti mentre Scafati, con il neo arrivo Cervi, se la vedrà in casa con Rieti in una gara dove tenterà di riscattare il ko dell’andata chè portò ad un finale alquanto caldo e sanzioni per gli ospiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *