Timeout Channel

Il Portale dello Sport

L’avversario di turno: U.S. Sassuolo

Condividi l'articolo

Il sassuolo riparte senza i suoi leader

Il Sassuolo riparte anche quest’anno come una delle certezze della Serie A e con il grande sogno di arrivare nelle competizioni europee, anche se deve colmare il vuoto che hanno lasciato i due leader partiti in questo mercato come Locatelli vincitore dell’europeo passato alla Juventus e il bomber “Ciccio” Caputo che si è trasferito alla Sampdoria alla corte del mister D’Aversa.

L’arrivo del nuovo allenatore

Alessio Dionisi dovrà sostituire il partente Roberto De Zerbi, passato in Ucraina allo Shakhtar Donetsk dopo tre stagioni al comando della formazione neroverde. Dionisi è stato nominato nuovo allenatore del Sassuolo dopo un campionato dominato dall’inizio alla fine con il suo Empoli in Serie B, imponendo le sue idee calcistiche sul campo. Il nuovo tecnico dei neroverdi deve far sua una squadra che ha appreso il modo di giocare dell’ex allenatore al pieno del loro potenziale. I profili dei due allenatori sono molto simili nel modo di giocare, l’impostazione dal basso con giro palla a terra dai difensori sfruttando anche il portiere nel possesso palla per la superiorità numerica contro il pressing avversario. Ed anche verticalizzazioni offensive cercando di sorpassare il centrocampo e le difese degli avversari.

La storia del club

L’Unione Sportiva Sassuolo Calcio è stata fondata nel 1920, dal 2013 i neroverdi disputano le loro partite casalinghe al Mapei Stadium di Reggio Emilia. La formazione emiliana è entrata nel ristretto gruppo di squadre, non appartenenti a città capoluogo di provincia capaci di raggiungere la massima categoria calcistica italiana a girone unico. Ha disputato 8 campionati di Serie A consecutivi, la società fu promossa per la prima volta in massima serie nel 2013, mentre il miglior piazzamento ottenuto in Serie A è il 6º posto della stagione 2015-2016, con cui raggiunse per la prima volta la qualificazione alla Uefa Europa League. Nella sua storia, il Sassuolo ha vinto un campionato di Serie B, uno di C1 e una Supercoppa di Serie C1.

Due gioielli in attacco e tanti giovani in campo

Dopo la cessione di Caputo alla Sampdoria il Sassuolo ha deciso di confermare per questa stagione Raspadori e Scamacca, due attaccanti di giovane età ma con grande voglia di mettersi in gioco. Giacomo Raspadori classe 2000, ha giocato tutte le giovanili della formazione neroverde fino a debuttare in Serie A il 26 maggio 2019, a 19 anni, impiegandolo nell’incontro dell’ultima giornata di campionato contro l’Atalanta dopo una buonissima annata da capitano con la primavera della squadra emiliana. Ha giocato anche in tutte le under della nazionale fino arrivare alla convocazione del CT Roberto Mancini per Euro 2020 vinto dall’Italia. Proprio in quest’ultima convocazione dell’Italia l’attaccante nato a Bentivoglio in provincia di Bologna ha segnato il suo primo gol con la nazionale maggiore.

Gianluca Scamacca classe 1999, ha iniziato le giovanili alla Lazio per poi passare tre anni dopo alla Roma, dopo due anni in giallorosso si trasferisce in Olanda al PSV dove gioca due anni per poi essere venduto al Sassuolo. La squadra emiliana inizia a mandarlo in prestito alla Cremonese e in Olanda PEC Zwolle per poi andare di nuovo in Serie B all’Ascoli e in Serie A al Genoa nell’ultima stagione dove si è messo in luce con 8 gol in 26 partite, in questa nuova stagione vuole dare continuità con la maglia del Sassuolo ed acquisire la fiducia del CT Roberto Mancini per una possibile convocazione ai mondiali del 2022, proprio in quest’ultima convocazione Scamacca ha esordito con la nazionale maggiore.

Il Sassuolo in questo momento ha in rosa le due punte titolare del futuro azzurro.

Oltre a Raspadori e Scamacca la formazione Emiliana ha titolari a centrocampo due giocatori giovanissimi come Maxime Lopez del 1997 e Davide Frattesi del 1999 ed anche Hamed Junior Traorè. Questo sottolinea il lavoro che sta facendo il Sassuolo da un po’ di anni ad oggi, qualità nel gioco ma anche nello stesso momento valorizzare i giovani calciatori.

Probabili formazioni Sassuolo: 4-2-3-1

Consigli; Toljan, Chiriches, Ferrari, Rogerio; Frattesi, Maxime Lopez; Berardi, Djuricic, Boga; Raspadori.

A disposizione: Pegolo, Satalino, Ayhan, Muldur, Peluso, Kyriakopoulos, Goldaniga, Magnanelli, Matheus Henrique, Harroui, Traore, Defrel, Scamacca.

Allenatore: Alessio Dionisi.

Ballottaggi: Toljan-Muldur 60%-40%, Berardi-Traore 55%-45%, Raspadori-Scamacca 55%-45%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *