Condividi l'articolo
YOKOHAMA – Finisce con un altro pareggio la tournée giapponese della Roma o di quello che ne resta al netto degli infortuni e dei giocatori impegnati al mondiale. La sfida ai campioni nipponici si mette subito in salita per un errore grossolano di Svilar che si fa sfilare in mezzo alle gambe un colpo di testa apparentemente innocuo. La Roma soffre e non trova il ritmo giusto per far male agli avversari. Abraham, inconsistente come sempre in questa stagione, si pappa un gol facile facile: il fuorigioco segnalato dall’assistente, lo salva al fine del risultato ma la figuraccia rimane. Al tramonto del primo tempo il portiere giallorosso ritorna suo malgrado protagonista, deviando in porta un tiro respinto dal palo. Sfortuna si, ma è evidente il suo tuffo in netto ritardo sul tiro stesso. Nella ripresa Mourinho inserisce Shomurodov, Zaniolo e Volpato che sono gli uomini che alla fine cambiano il volto alla squadra giallorossa. Zaniolo fa 2-1 dopo essersi mangiato il gol un paio di volte; errori clamorosi anche da parte di Shomurodov e i Marinos trovano il jolly che sembra chiudere il discorso sul 3-1. Gli attaccanti della Roma invece come per magia nel finale ritrovano lucidità e si arriva al 3-3 conclusivo. È Ibanez a suonare la sveglia con un’azione personale che lo porta a battere il portiere avversario a tu per tu, in area di rigore. Poi al terzo dei 5’ di recupero concessi dall’arbitro, Volpato si inventa un assist per l’uzbeko che sotto misura non può davvero esimersi dal mettere il pallone in rete. Finisce così con 2 pareggi, la tournée giapponese della Roma. Appuntamento per il Portogallo da metà dicembre.

Lascia un commento