Timeout Channel

Il Portale dello Sport

ROMA, GOL E SPETTACOLO: MANITA ALLO STIRPE

Condividi l'articolo

FROSINONE – Finisce 5-2 l’ultima amichevole sella Roma, prima della partenza verso il Portogallo dove inizierà la seconda parte del ritiro. Col Debrecen Mourinho fa un po’ di esperimenti e viene ripagato da una prestazione sontuosa in attacco, un po’ meno in difesa. Dopo una manciata di minuti infatti gli ungheresi si sono portati avanti con Barany, grazie ad un errore di posizione di Kumbulla ed una mancata copertura da parte di Ibanez e soprattutto Tripi schierato basso a sinistra, in posizione per lui atipica. La risposta giallorossa però è eloquente e dopo un paio di tentativi con Reynolds e Perez che non riescono a trovare la rete, il pari arriva grazie a Borja Mayoral bravo ad inserirsi coi tempi giusti su lancio di Ibanez: lo stop di sinistro è da favola, il destro davanti al portiere è letale: 1-1. Stessa dinamica per il gol del vantaggio ma il protagonista stavolta è Pellegrini che si inserisce dribla un avversario e con calma olimpica infila il portiere avversario. Si va al riposo dopo aver ammirato le giocate del gioiellino Zalewski ed un palo sempre del capitano giallorosso. A proposito di gioielli, nella ripresa dentro l’artiglieria pesante con l’attacco completamente rivoluzionato: neanche il tempo di iniziare che Zaniolo si presenta ai tifosi con un gol alla “Zaniolo”. Scatto fulminante e tocco sotto delizioso per il 3–1. Applausi a scena aperta dei 4 mila presenti allo Stirpe. Ci pensa Fuzato a mettere peperoncino sul match, con un errore marchiano che riapre il match. Ma la Roma sembra cominciare a recepire la lezione di Mourinho e così Dzeko trova il tempo di realizzare i due gol che fissano il punteggio sul 5-2. Per lo Special One note positive dai giovani, in particolar modo da Darboe e come detto Zalewski, mentre da rivedere i meccanismi difensivi. In serata intanto sbarcherà a Fiumicino Matias Vina, nuovo esterno sinistro della Roma, che dovrà sostituire l’infortunato Spinazzola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *