Timeout Channel

Il Portale dello Sport

Roma, Rüdiger è già un pilastro: «E ora segno» (rs web cds.it)

ROME, ITALY - SEPTEMBER 16: Antonio Rudiger (R) of AS Roma competes for the ball with Lionel Messi of FC Barcelona during the UEFA Champions League Group E match between AS Roma and FC Barcelona at Stadio Olimpico on September 16, 2015 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Condividi l'articolo

ROME, ITALY - SEPTEMBER 16: Antonio Rudiger (R) of AS Roma competes for the ball with Lionel Messi of FC Barcelona during the UEFA Champions League Group E match between AS Roma and FC Barcelona at Stadio Olimpico on September 16, 2015 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Questo è il posto giusto per me, ha detto Antonio Rüdiger appena arrivato a Roma, e non aveva alcuna intenzione di citare Tito Livio. Anche se il senso era pressappoco lo stesso: qui ci difenderemo bene, intendeva il centurione che piantava l’accampamento, qui imparerò a difendere ancora meglio, intendeva il centrale tedesco sceso nella patria dell’accortezza calcistica.

Non sono luoghi comuni duri a morire, non soltanto. L’Italia è effettivamente piena di ottimi allenatori che prima di seminare, se capita, il proprio gioco provvedono a estirpare quello altrui. E sono bravi maestri di pensiero: anche Rudi Garcia ha utilizzato quel che ha appreso nel tentativo riuscito quasi perfettamente di neutralizzare il Barcellona. Tradizione. Ha imparato in fretta anche Rüdiger, evidentemente. Appoggiato da Manolas, protetto dal filtro finissimo di De Rossi, è riuscito a far bollire il terreno dell’area sotto i piedi di Messi e di Suarez. Avrà a lungo diritto di cittadinanza tra i filmati promozionali della Champions League una sua chiusura a fil di rigore sull’uruguaiano. In Germania si erano meravigliati quando la Roma era andata a prenderlo dallo Stoccarda. Non conoscono, non bene quanto la conoscono in Italia, la lunga storia del direttore sportivo Walter Sabatini e dell’officina in cui i difensori centrali vengono rimessi a nuovo e rivenduti a costo maggiorato. E’ un’antica tradizione della Roma alla quale Sabatini ha aggiunto il suo tocco particolare. Per esempio, Romagnoli non ha avuto bisogno di andarlo a prendere. Ma dopo averlo trovato sul posto ha avuto la scintilla di cederlo al Milan trasformandolo in oro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.