Timeout Channel

Il Portale dello Sport

La Roma passa a Crotone (rs web ilTempo.it)

Condividi l'articolo
El Sharaawy e Nainggolan blindano il terzo posto

ROMA – Il massimo risultato con il minimo sforzo. La Roma prosegue nel suo buon momento andando a vincere 2-0 sul campo del Crotone con le reti, una per tempo, di El Shaarawy e Nainggolan che consolidano il terzo posto in classifica dei giallorossi.

Privo degli indisponibili Izco, Simic, Tumminello e Budimir, Zenga si affida a due ex come Stoian e Ricci, quest’ultimo inserito nel tridente offensivo con Trotta e Nalini, che pero’ quasi subito sara’ costretto ad uscire per infortunio (dentro Barberis). Senza gli infortunati Perotti, Defrel e Karsdorp e con De Rossi squalificato, Di Francesco adotta un discreto turn-over e ripropone Gonalons in mezzo al campo, inserendo Gerson nel tris di attaccanti assieme a Dzeko e El Shaarawy.

E’ il vento il grande protagonista del primo tempo, equilibrato per buona parte e con le emozioni che si contano sulle dita di una mano. Al 12′ Nainggolan, servito a rimorchio da El Shaarawy, non trova il bersaglio, al 32′ Capuano, per anticipare Pellegrini, rischia l’autorete. Palla gol per i calabresi al 34′: Fazio allontana di testa sui piedi di Stoian, che tutto solo spedisce in curva la volee. I giallorossi rispondono al 37′: cross sul secondo palo di Nainggolan, svetta di testa Gerson mettendo di poco alto. Al 39′ ospiti in vantaggio: assist al centro di Kolarov, El Shaarawy si ritrova senza ostacoli ad appoggiare in gol. Il Crotone non ci sta e al 39′ e’ pericoloso con Stoian, neutralizzato in uscita da Alisson, che nel recupero e’ quasi trafitto da una svirgolata di Kolarov.

Roma meno pimpante in avvio di ripresa: dopo 50 secondi Alisson blocca su Mandragore. Al 4′ Trotta e Jesus si allacciano in corsa, Banti punisce l’attaccante di casa e Zenga protesta con un applauso ironico: espulso. Al 6′ Dzeko si divora il raddoppio sparando su Cordaz l’ottimo passaggio di Nainggolan ma all’11’ fa anche peggio il Crotone: Fazio, in giornata decisamente no, si addormenta in mezzo al campo, Trotta si invola verso l’area avversaria ma trova in Alisson un muro. Un destro a giro di Kolarov fa venire un brivido a Cordaz al 25′, un ennesimo contropiede dei calabresi, orchestrato da Sensi e concluso male da Trotta, suona la sveglia ai laziali. Che, dopo una serie di cambi, trovano il raddoppio al 30′ con Nainggolan, che supera Cordaz con un sinistro rasoterra dal limite. I padroni di casa non mollano e al 35′ vanno ancora vicinissimi al gol: Alisson smanaccia su Sensi, Fazio si immola prima su Simy e poi su Benali. Nel finale, pero’, sono i capitolini a farsi minacciosi: Florenzi ruba palla a Capuano e serve al centro Under, che a botta sicura si fa respingere il pallone sulla linea da Faraoni. Florenzi, altro ex applaudito dal suo ex pubblico al momento dell’ingresso in campo, ci riprova al 47′ ma Cordaz gli dice di no.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *