Timeout Channel

Il Portale dello Sport

L’avversario di turno: A.C. Milan

Condividi l'articolo

Finalmente torna la Serie A

Finita la sosta natalizia per i club del massimo campionato italiano, giovedì 6 gennaio, si torna in campo con tutte le squadre che giocheranno i match della prima giornata di ritorno. Nel primo anno che la lega Serie A adotta lo stile inglese del girone di ritorno, nel senso che le giornate dello stesso non hanno la stessa sequenza del girone d’andata.

Nel giorno della epifania si giocheranno due big match che potrebbero dare segnali importanti per il nostro campionato, anche se stiamo solamente ad inizio gennaio. Il primo big match si giocherà a San Siro alle 18:30 con protagoniste Milan e Roma, tutte e due le squadre vogliono vincere per muovere la classifica, il Milan vuole tenere il passo dell’Inter che si trova primo in classifica a + 4 dai rossoneri, mentre la Roma, sesta in classifica ci crede ancora nel centrare l’obbiettivo prefissato ad inizio stagione, la qualificazione in Champions League.

Il secondo big match si giocherà a seguire del primo, questa volta nell’Allianz Stadium di Torino alle 20:45 con protagoniste Juventus e Napoli, le due squadre separate da sempre da un’accesa rivalità, sia in campo che tra le tifoserie, rende ancora di più infuocata la partita, soprattutto negli ultimi anni che il Napoli è tornata ad essere una big del nostro campionato. Anche in questo scontro diretto la voglia di vincere delle due squadre è tanta, la Juventus vuole vincere per accorciare in classifica proprio sui partenopei che si trovano a +5, mentre il Napoli vuole vincere per provare a tenere il passo di Inter e Milan.

Tantissimi i calciatori indisponibili per questa giornata

Come hanno detto tutti gli allenatori che sono andati oggi in conferenza stampa e tutte le notizie date dai media in questi ultimi giorni, le rose delle squadre sono dimezzate per i tanti positivi che ci sono stati in queste festività, dobbiamo aggiungere alle indisponibilità anche i vari infortunati e i giocatori impegnati per la Coppa d’Africa che per almeno un mese non faranno parte dei loro rispettivi club.

Squadre come il Bologna e il Verona che hanno otto giocatori con il coronavirus o come l’Udinese che ne ha sette, sono veramente dimezzate. Ma la lega non ha intenzione di rinviare le partite, soprattutto se anche le rispettive ASL non fermano per una quarantena le squadre.

Un super girone d’andata

Il Milan ha finito un grandissimo girone d’andata, si trova al secondo posto in classifica con 42 punti, sotto solamente all’Inter con 46 punti. Nel girone d’andata a collezionato tredici vittorie, tre pareggi e tre sconfitte; con 40 reti segnate è seconda nella classifica di gol fatti e con 22 reti subite è la quinta miglior difesa del nostro campionato.

Parlando dei singoli giocatori, si sono messi particolarmente in luce, il solito Zlatan Ibrahimovic che anche all’età di quarant’anni è fino ad esso il miglior marcatore del Milan in campionato con 7 gol, con 5 gol c’è Franck Kessie la sua presenza è stata fondamentale nel centrocampo rossonero, adesso indisponibile per il club perché è andato a disputare la Coppa d’Africa con la Costa D’Avorio. Mentre non al suo anno migliore in rossonero ma sempre primo in classifica con 5 assist c’è Theo Hernandez, miglior assist man del Milan.

Conferenza stampa Pioli: “Vincere sarebbe straordinario. Mercato? Serve un difensore completo”

Comincia la lunga corsa per giocarsi lo scudetto con l’Inter e le altre pretendenti al titolo: “vedo giocatori consapevoli, vincere sarebbe un’impresa straordinaria ma ci dobbiamo credere e mi aspetto tantissimo da tutti. Possiamo farlo se manteniamo l’equilibrio, abbiamo pressione perché siamo stati bravi a crearcela coi risultati, poi i conti li faremo alla fine”.

Intanto c’è la Roma: “All’Olimpico siamo stati superiori, ma Mourinho ha fatto un grande lavoro su compattezza, intensità ed empatia, troveremo una squadra diversa e molto forte. Ci sono in palio tre punti pesanti.

Sul mercato ha detto: “Abbiamo idee chiare e condivise con la società, non sarà un mercato scoppiettante vista la situazione in tutto il mondo. L’infortunio di Kjaer ci obbliga a guardare il reparto difensivo, non ho fatte altre richieste alla società. Serve un difensore completo, è un ruolo troppo importante.

Riguardo i tanti giocatori contagiati, ha detto: “i contagi in risalita rendono tutto un po’ più teso, non è una situazione normale, cerchiamo tutti di fare attenzione e seguire i protocolli, nessuno si aspettava che i casi di positività potessero tornare così alti. Bisogna alzare l’attenzione nel lavoro ed essere tutti pronti per giocare, perché può succedere che qualcuno all’ultimo momento possa non esserci”.

Mentre queste sono le parole sui big che ha recuperato grazie alla sosta: “nessuno di chi rientra domani ha 90 minuti nelle gambe, Calabria, Leao, Rebic e Ibrahimovic. Ma stanno recuperando e hanno bisogno sicuramente di giocare delle partite”.

La storia del club

L’A.C. Milan viene fondata nel 1899, la squadra milita nella Serie A del campionato italiano di calcio dalla sua introduzione nella stagione 1929-1930, dove ha sempre giocato, ha partecipato a 88 campionati di Serie A a girone unico su 90, e a due campionati di Serie B. È la terza squadra al mondo per numero di titoli internazionali vinti, nella sua bacheca figurano, a livello internazionale, 7 Coppe dei Campioni/UEFA Champions League, 2 Coppe delle Coppe, 5 Supercoppe europee, 3 Coppe Intercontinentali e una Coppa del mondo per club FIFA. Se in ambito internazionale la formazione rossonera è la più titolata delle squadre italiane, in ambito italiano è il terzo club più titolato, alle spalle della Juventus e dell’Inter, avendo vinto 30 trofei nazionali: 18 scudetti, 5 Coppe Italia e 7 Supercoppe italiane.

Probabili formazioni

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Florenzi, Tomori, A. Romagnoli, T. Hernandez; Tonali, Bakayoko; Messias, B. Diaz, Saelemaekers; Ibrahimovic.

Allenatore: Pioli.

A disposizione: Mirante, Calabria, Kalulu, Gabbia, Krunic, Castillejo, Maldini, Leao, Rebic, Giroud.

ROMA (3-5-2): Rui Patricio; Mancini, Smalling, Ibanez; Karsdorp, Veretout, Cristante, Lo. Pellegrini, Vina; Zaniolo, Abraham.

Allenatore: Mourinho.

A disposizione: Boer, Kumbulla, Calafiori, El Shaarawy, Mkhitaryan, Bove, Zalewski, Felix, Carles Perez, Shomurodov.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *