Timeout Channel

Il Portale dello Sport

PAZZIA E DIVERTIMENTO. 3-3 TRA LAZIO E EMPOLI

Immagine presa da 'goal.com'

Condividi l'articolo

ROMA – Anno nuovo, vita nuova. E invece no, non è iniziato nel migliore dei modi il 2022 per i tifosi biancocelesti. La partita d’andata doveva servire da lezione per la formazione di Maurizio Sarri, ma così non è stato. Terminata con il segno X la prima sfida del nuovo anno per la Lazio, nella gara casalinga contro l’Empoli.

I ragazzi di Andreazzoli hanno dato un gran filo da torcere alla formazione di casa. Pronti via e gli ospiti, dopo appena 9 minuti dal fischio iniziale si ritrovano in vantaggio di due gol: il primo firmato da Bajrami, grazie alla trasformazione di un rigore, il secondo siglato da Zurkowski. Al 14′ Immobile accorcia le distanze, e sul risultato di 1-2 le squadre rientrano negli spogliatoi all’intervallo.

L’Empoli non ha avuto paura di aspettare, tatticamente parlando, la Lazio. Dal canto loro i biancocelesti hanno alternato momenti di puro possesso palla nella metà campo offensiva a momenti impostati sulle ripartenze. Al 66′ Savic gonfia la rete, firmando il momentaneo 2-2. Tuttavia, le casacche celesti non hanno neanche avuto il tempo di organizzarsi per tentare il sorpasso, dal momento che l’Empoli al 75′, con Di Francesco, è tornata nuovamente avanti nel punteggio

QUANDO CI SI METTE LA SFORTUNA

Dopodiché, si è scatenato l’inferno sul terreno dell’Olimpico. All’80’ il direttore di gara Giua annulla una rete di Patric per un tocco di mano dello spagnolo. Sei minuti più tardi Luperto allarga troppo la sua dimensione corporea con le braccia, colpendo Immobile in area di rigore. L’arbitro assegna il penalty, ma il tiro dagli undici metri del numero 17 viene parato da Vicario. Al 93′, in pieno recupero, la Lazio si aggrappa all’ultimo guizzo di Zaccagni. L’ex-Verona rientra sul destro e sciabola la sfera sul secondo palo, Milinkovic stacca, colpisce e segna. 3-3!

IL RISVOLTO POSITIVO

Sicuramente c’è da evidenziare la reazione della Lazio, la capacità di non demoralizzarsi e il senso del dover nel voler a tutti i costi reindirizzare l’andamento della partita. L’Empoli è una squadra ostica, non a caso si trova in una posizione più che comoda in classifica. Ciò che si deve raccogliere da questa partita è la determinazione: i biancocelesti non hanno mai mollato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.