Timeout Channel

Il Portale dello Sport

ROMA BELLA E SCIUPONA: IL NAPOLI SI SALVA

Condividi l'articolo

ROMA – Dimenticare il cappotto europeo subìto in Norvegia, era questo l’obiettivo della Roma di Mourinho ed alla resa dei conti i giallorossi hanno dato la risposta che il suo popolo si aspettava. È mancata solo la lucidità in fase di realizzazione, dove Abraham risulta ancora lontano dal giocatore determinante in zona gol che ci si aspettava al suo arrivo dalle parti di Trigoria: il suo errore davanti a Ospina dopo un gran recupero e assist di Cristante è clamoroso e avrebbe potuto indirizzare la partita verso una piega benevola per la sua squadra. Dietro la prova di Ibanez e Mancini è stata notevole nonostante un cliente molto scomodo come Osimehn che si è reso pericoloso una sola volta il secondo tempo e grazie a un doppio rimpallo che ha mandato la palla sul palo e poi in angolo. Sul conseguente corner lo stesso colored napoletano, ha pizzicato la parte alta della traversa di testa. Nella ripresa il Napoli prova a prendere campo ma di occasioni verso la porta di Rui Patricio nemmeno l’ombra. È anzi la Roma ad avere l’occasione d’oro con Mancini che di testa manda fuori da posizione favorevolissima. Spalletti prova a mischiare le carte inserendo Lozano, Elmas ed alla fine pure Mertens ma i risultati non lo hanno premiato. La Roma invece c’ha provato fino in fondo soprattutto con Zaniolo, nonostante la partita anonima di Mkhitaryan e l’eccessivo egoismo di Pellegrini. Alla fine è 0-0 con Spalletti che si riaggancia alla vetta, mentre Mourinho, espulso da Massa per doppia ammonizione, ritrova la sua Roma almeno nella prestazione, nonostante l’epurazione di Diawara, Reynolds, Villar, Borja Mayoral e Kumbulla, lasciati in tribuna dopo l’obbrobrio di Bodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *