Timeout Channel

Il Portale dello Sport

ROMA IN CONFERENCE MA QUANTA FATICA

Condividi l'articolo

LA SPEZIA – Un’ultima uscita specchio di una stagione, in cui la Roma ha mostrato tutti i suoi limiti. Un primo tempo da recita scolastica di fine anno con lo Spezia demotivato che maramaldeggia sui resti di una squadra brutta al limite della decenza capace di capitolare 2 volte e dover ringraziare Fuzato le cui parate tengono in vita la speranza di centrare quantomeno un settimo posto che non ha nulla nemmeno di dignitoso. Kumbulla e Santon offrono prestazioni imbarazzanti così come Cristante ed i quattro attaccanti, inesistenti sia in fase difensiva che offensiva. I gol di Verde e Pobega sono la conseguenza di tutto questo orrore. Nella ripresa lo Spezia si assesta su ritmi meno frenetici la Roma si ricorda che comunque bisogna tentare di giocare a pallone e l’Inerzia cambia: El Sharaawy segna l’1-2 ed il match diventa interessante. Mkhitaryan in attesa di comunicare la sua scelta di rimanere o no, prende per mano i suoi che comunque provano a sbagliare l’inimmaginabile come se non volessero regalare almeno quest’ultimo infimo traguardo ai propri tifosi. Entrano Dzeko, Reynolds, Villar e Pastore e il gol arriva proprio con l’armeno indeciso che ad una manciata di minuti dal termine fa 2-2 rendendo pure vano il successo del Sassuolo contro l’arrendevole Lazio. Finisce qui l’era Fonseca così avara di soddisfazioni, che non sarà ricordata con nostalgia da nessuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *