Condividi l'articolo

Rui Patricio 7 – Parata da applausi nel primo tempo su Bonazzoli, tutto il resto è noia.

Mancini 6.5 – Solita partita tutta sostanza, bravo ad uscire dall’area palla al piede quando occorre.

Smalling 6.5 – Prende il giallo intervenendo in maniera un po’ rude su Botheim. Tuttavia con esperienza e carisma è una presenza di fondamentale importanza per la retroguardia romanista.

Ibanez 6.5 – Autorevole e sicuro, non sbaglia una chiusura. Se solo avesse maggiore continuità da una partita all’altra, Mourinho non avrebbe bisogno di cercare altri difensori.

Karsdorp 6.5 – Il dirimpettaio Mazzocchi non gli crea poi tutti questi grattacapi, cosicché l’olandesone può dedicarsi senza affanni alla fase di possesso. Nel recupero scheggia il palo con la palla del pissibile 2-0.

Cristante 7 – E’ tornato quello dei giorni migliori, abbina quantità a giocate di pregio. Limita il raggio d’azione del bravo Vilhena. In più, con una botta mancina da fuori area, deviata in modo non influente da L. Coulibaly, firma l’1-0.

Pellegrini 6.5 – Non c’è giocata della Roma che non passi dai piedi del capitano. Una mole di gioco impressionante e la giusta costanza di rendimento.

Spinazzola 6 – L’ex laziale Candreva lo fa sudare un po’ di più di quanto sul fronte opposto Mazzocchi faccia con Karsdorp, Leo se la cava egregiamente pur peccando talvolta d’imprecisione.

Dybala 6.5 – Cerca la sua prima rete con la maglia della Roma. Ha l’occasione giusta per riuscirci, però Sepe è bravo a metterci quel tanto che basta a deviare sul palo. Quanto al resto tanto movimento, giocate da applausi e assist illuminanti per i compagni. Termina la partita da falso nove dopo l’uscita di Abrham e Zaniolo.

(dal 43’st) El Shaarawy – sv

Zaniolo 7 – Spina nel fianco della difesa di Nicola. E’ il più pericoloso dei giallorossi, sfiorando in ben quattro occasioni il gol (tre volte a lato e una gran parata di Sepe). Quando prende palla e parte può far male.

(dal 33’st) Wijnaldum sv – Dodici minuti più recupero per vedere l’effetto che fa. Gini va subito a bersaglio su su assist illuminante di Dybala però l’arbitro ravvisa una posizione irregolare della Joya e annulla.

Abrham 6 – Poche occasioni per mettersi in mostra, va a corrente alternata ed insegue ancora la forma migliore.

(dal 23’st) Matic 6 – All’esordio in serie A, prende il posto dell’abulico Abrham e va a formare un’autentica diga vicino a Cristante, con Pellegrini che sale a fare il sottopunta. Subito ammonito per un fallo su Coulibaly, si impone quanto a fisicità.

All. Mourinho 6.5 – Centellina l’impiego dei nuovi, affidandosi dal 1’ per dieci/undicesimi alla vecchia guardia. I fatti gli danno ragione, come dimostra la prestazione super dei vari Ibanez e Cristante. Nell’ultimo quarto di gara inserisce prima Matic e poi Wijnaldum per un’iniezione di esperienza in mezzo al campo.

MVP: Zaniolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.