Timeout Channel

Il Portale dello Sport

ANCHE AURELIANO FA IL FENOMENO: ROMA AFFONDATA

Condividi l'articolo

VENEZIA – Dopo Orsato e Maresca, Aureliano. Un altro arbitraggio scandaloso affonda la Roma al Penzo di Venezia. Mourinho prova a cambiare pelle alla squadra dopo la mezza figuraccia di Conference League: difesa a 3 e 2 punte in avanti, con El Sharaawy a tutta fascia sulla sinistra. Inizio shock con la Roma che va subito sotto grazie al gol di Caldara. Aureliano comincia subito a fare il protagonista non desiderato, fischaiando completamente a senso unico e dopo un rigore dato e poi tolto alla Roma con l’ausilio del Var, arriva il pari di Shomurodov che in mischia batte Romero. Passano 4’ e Abraham ribalta il risultato realizzando il suo terzo gol in campionato. Si va al riposo con la Roma in vantaggio 1-2 grazie ai gol dei suoi due attaccanti. Nella ripresa il direttore di gara decide di fare ancor di più il fenomeno di un match gradevole, rovinato in maniera indecente dall’arbitro e dai suoi scarsi collaboratori. La Roma sfiora il terzo gol ma come al solito non la butta dentro ed ecco il regalino al Venezia: rigore assurdo concesso per un contatto di Cristante con Caldara, dove sembra più il difensore a cercare il piede del numero 4 giallorosso. Segna Aramu e 2-2. La Roma di questo periodo ha già di per sè tanti problemi e quindi arriva anche il terzo gol in contropiede di Okereke che porta i tre punti in Laguna. Da qui inizia un’altra partita con i padroni di casa pericolosi in contropiede e la Roma che sfiora il pari per diverse volte, senza mai trovare il varco giusto. Ora ci sarà la sosta che servirà magari a schiarire le idee ai direttori di gara che ci dovrebbero spiegare il perché di questo accanimento nei confronti della squadra giallorossa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.