Condividi l'articolo

ROMA – Non sono bastati i novantaminuti regolamentari. A dirla tutta non è bastato neanche la prima frazione dei supplementari. La Lazio si qualifica ai quarti di finale grazie alla rete di Ciro Immobile, al 1′ del secondo tempo supplementare. Una gara infinita, che non ha offerto particolari spunti di straordinarietà. L’Udinese ha saputo controllare il gioco dei biancocelesti, aspettarli e non soffrire in maniera eccessiva. La Lazio, dal canto suo, non ha mai affondato il piede sull’acceleratore. L’unica vera occasione, che ha fatto tremare mister Cioffi, è capitata sulla testa di Milinkovic-Savic, al 90′, ma la sfera è carambolata sul fondo.

GIOCO SULLE FASCE

Muriqi è sceso in campo indossando la maglia da titolare. Chiaramente, per esigenze tecniche, quando la Lazio ha come punto di riferimento il ‘Pirata’ non può sviluppare l’azione in profondità. E di fatti, la squadra capitolina ha impostato il proprio gioco sulla fasce, sfruttando la velocità degli esterni per mettere palloni in mezzo all’area di rigore. La strategia è risultata adatta agli undici titolari, ma il gol non è arrivato.

L’UOMO DELLA PROVVIDENZA

Sarri ha deciso così di cambiare impostazione: fuori Muriqi, dentro Immobile. Dalla progressione sulle fasce si passa alla verticalizzazione in profondità. Neanche il tempo di entrare e il numero 17 si ritrova a tu per tu con Silvestri, ma spedisce fuori. Il tiro decisivo avviene al 106′, appena iniziato il secondo tempo supplementare. Cataldi alza la testa e lancia lungo Immobile, che è scaltro nel rientrare dalla posizione di fuorigioco. L’attaccante tocca morbidamente la sfera e con un pallonetto batte l’estremo difensore. Ancora una volta, Immobile ha salvato la Lazio.

Immagine presa da ‘ilmessaggero.it’

OBIETTIVO RECUPERO

E’ stato un match tosto, soprattutto dal punto di vista fisico. L’Udinese dispone di una rosa ben strutturata a livello fisico, in ogni reparto del match. La vittoria, in un modo o nell’altro è stata raggiunta, e di conseguenza il turno superato. La Lazio quindi, per quel che riguarda la Coppa Italia, se la vedrà contro il Milan ai quarti. Ora Maurizio Sarri deve far recuperare al meglio i suoi giocatori, perché 120 minuti disputati in mezzo alla settimana si fanno sentire, e sabato sera i biancocelesti ospiteranno l’Atalanta di Gasperini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *