Timeout Channel

Il Portale dello Sport

Milan-Lazio: le pagelle

Immagine presa da 'repubblica.it'

Condividi l'articolo

Reina 5,5 – sui gol può poco e nulla, prestazione influenzata dal resto della squadra.

Marusic 5,5 – soffre Leao in fase offensiva, è difficoltà per tutta la partita e la difesa ne risente. Dal 64′ Lazzari 5,5 – spinge in avanti ma conclude poco. Sul gol di Ibrahimovic lascia scoperta la fascia.

Luiz Felipe 5 – l’unico buon intervento è una scivolata nella prima frazione. Serata opaca, male anche in fase di impostazione.

Acerbi 5 – si dimentica completamente di Ibrahimovic sul gol del 2-0. Per il resto, appare assente.

Hysai 5 – qualche buon intervento. Sul raddoppio del Milan anche lui poteva fare di più.

Milinkovic 5 – non ha lo spazio materiale per giocare e proporsi. Soffre terribilmente la fisicità di Kessie; dal 74′ Basic 5,5 – aveva il tempo di cambiare le sorti del match, in alcune occasioni ha scelto di fare la cosa più complicata invece di quella più semplice. Non facile esordire in una serata così.

Leiva 5 – per un giocatore della sua esperienza, si fa saltare troppo facilmente da Leao nel vantaggio rossonero.

Luis Alberto 4,5 – era il giocatore da cui ci si aspettava di più, ed è stato quello da cui è arrivato di meno. Debole sui contrasti, non trova spazio e si fa surclassare da Tonali. In certi momenti sembra anche svogliato.

Felipe Anderson 5 – non combina nulla di speciale e nulla di malvagio, forse gli è mancato un pizzico di personalità; dal 64′ Zaccagni 6 – entra con lo spirito giusto, chiaramente da solo non può nulla.

Immobile 5 – totalmente assente. Talvolta sarebbe molto utile ricevere il pallone e proteggerlo per far salire i propri compagni. Ingenuo sul rigore commesso. Dall’84’ Muriqi SV.

Pedro 5 – si muove tanto ma concretizza poco. Porta troppo il pallone per poi perderselo tra le gambe; dall’84’ Moro SV.

Sarri 5 – il Milan ha interpretato bene la gara, rendendo impossibile il possesso palla ai biancocelesti, che di fatto non si sono mai resi pericolosi. Giocare sotto pressione è un aspetto da migliorare.

MVP – Zaccagni 6.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *