Timeout Channel

Il Portale dello Sport

Pioli non snobba la Coppa, ma contro il Dnipro rivoluziona la Lazio (rs web ilTempo.it)

Condividi l'articolo

Rispetto alla vittoria con l’Udinese cambiano sette giocatori. Matri in campo dal primo minuto. Morrison non convocato, si parla di un guaio muscolare all’adduttore

Obiettivo numero uno, per la Lazio: dare continuità alla vittoria con l’Udinese. Obiettivo numero due, per Pioli: «L’Europa League, vogliamo andare avanti il più possibile, senza paura». È deciso il tecnico biancoceleste, alla vigilia dell’esordio nel girone G della competizione, in casa del Dnipro: «Abbiamo un gruppo tosto e vogliamo iniziare bene. Ma soprattutto vogliamo dimostrare di essere competitivi su tutti e tre i fronti», spiega Pioli in conferenza. E intanto decide di rivoluzionare la Lazio, contro gli ucraini sarà turnover totale ma con la conferma del 4-2-3-1. Sette diversi interpreti su undici, rispetto alla partita con l’Udinese. Confermato Marchetti tra i pali, Hoedt e Radu in difesa e Parolo. Squalificato Mauricio e infortunato De Vrij, Gentiletti affiancherà l’olandese con Konko alla prima stagionale sulla fascia destra. Onazi vince su Cataldi, tutto nuovo in avanti: Matri confermatissimo a guidare l’attacco, alle sue spalle Felipe Anderson, Milinkovic-Savic (debutto da titolare in biancoceleste) e Kishna. Non convocato Morrison, per l’inglese si parla di un guaio muscolare all’adduttore dopo la rifinitura di ieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.