Timeout Channel

Il Portale dello Sport

Poca Palestrina a Reggio Calabria

Condividi l'articolo
La Viola s’impone 81-64

Un minuto di silenzio prima del match per l’improvvisa scomparsa del segretario generale Fiba Baumann. Al PalaCalafiore poi è palla a due con Paesano nelle vesti dell’ex a rompere il ghiaccio. Fall appoggia il 4-0, Rossi riprova da tre senza fortuna. Alessandri fa 6 in lunetta, quattro i falli di Palestrina che continuano a litigare coi ferri. Al terzo minuto la Viola beneficia già del bonus raggiunto dagli ospiti e il parziale diventa pesante: 10-0. Finalmente un piazzato di Ochoa a porre fine al digiuno, in aiuto anche Rischia ma dalla linea della carità vita facile per i padroni di casa. Maggiore sostanza nel pitturato con Ochoa, 13-8 che solleva il morale dei prenestini. Trovata la via il Palestrina insiste e tocca il -1 con un break improvviso, il basket si dimostra imprevedibile e ora è Mecacci a dover chiamare la sospensione. Rizzitiello infatti scarica la tripla del sorpasso (13-15), e con Ochoa che raggiunge la doppia cifra il vantaggio arriva a tre lunghezze. Ultimo minuto in cui la Viola si ferma a quota 16 mentre Carrizo di classe realizza il 20° punto.

Si sblocca Rischia da tre ma la gioia dura poco perché Mastroianni replica dall’altro lato, assoluta parità ristabilita a più riprese. Contesa ora ben giocata con difese aggressive, Mastroianni ha la mano calda e ci riprova con ottimo esito: 28-25. Rizzitiello si mette in proprio spalle al canestro, cerca il bis ma ottiene il fallo sciupato con un’infrazione di 5 secondi sulla rimessa. Momento completamente negativo pagato con una bomba di Fallucca che vale il 35-27. Ochoa da sotto si libera della marcatura ma è Mastroianni a colpire nuovamente amplificando il divario. Inerzia appannaggio dei calabresi, colpiti dall’arco con Rossi e da Morici con una penetrazione: ci prova Palestrina a fermare la fuga. Prima dell’intervallo giocano un ruolo decisivo i viaggi in lunetta, Carrizo freddissimo e poi geniale nell’assist all’ultimo secondo per Morici che stampa un soddisfacente -3.

Palestrina che per due volte dunque recupera un gap in doppia cifra, alla ripresa l’opera viene proseguita dalla tripla di Rischia ma quattro punti e un assist di Alessandri rilanciano i neroarancio. Carrizo e Rischia colpiscono solo il primo ferro, vena realizzativa dei locali tornata stellare e con un Alessandri a 24 di valutazione siamo sul 58-47. Pure Carnevali si iscrive al festival dall’arco, situazione delicata mitigata da due prodezze di Rossi. Timeout a interrompere l’onda emotiva arancio verde, mossa azzeccata con ulteriori due missili a piovere nella retina ai danni di Palestrina: 69-56. Un terzo quarto in archivio lasciando amaro in bocca: 71-60.

Una delle ultime occasioni di rientro la regala l’antisportivo di Alessandri (che ne decreta anche l’espulsione): 1/2 e tiro scoccato oltre il suono della sirena. La Viola supera indenne il momento pericoloso, tentativi arancio verdi con poca convinzione, il quinto fallo di Ochoa è una tegola pesantissima. Il passivo e la situazione in generale induce a pensare ad un successo quanto mai vicino per i calabresi, tesi avvalorata dalla bomba di Fallucca (76-61). Ultimi cinque minuti che non spostano gli equilibri, il parziale della quarta frazione è esiguo e serve a Reggio Calabria per festeggiare il primo successo stagionale e lasciare a Palestrina la delusione per un incontro perso di mano nel secondo tempo: 81-64.

VIOLA REGGIO CALABRIA-CITYSIGHTSEEING PALESTRINA 81-64 (16-20, 45-42, 71-60)

VIOLA REGGIO CALABRIA: Alessandri 12, Grgurovic, Fall, Fallucca 9, Agbogan, Carnovali 10, Mastroianni 19, Paesano 4, Nobile 19, Vitale ne, Scialabba. All. Mecacci
CITYSIGHTSEEING PALESTRINA: Fiorucci 1, Rischia 11, G.Rossi 14, Banchi ne, Morici 4, Ochoa 15, Cecconi, Rizzitiello 12, Mattei ne, Carrizo. All. Ponticiello

Ufficio Stampa Pallacanestro Palestrina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.