Timeout Channel

Il Portale dello Sport

Torino-Lazio 3-4: i biancocelesti la ribaltano nel recupero (rs web Repubblica.it)

Condividi l'articolo
Al Grande Torino decide al fotofinish una zampata di Caicedo

TORINO – La Lazio espugna il Grande Torino vincendo nel recupero per 4-3 una partita incredibile, che appena dieci minuti prima sembrava ormai persa. La squadra di Inzaghi ha avuto il merito di crederci fino alla fine e di sorprendere un Torino che dietro è un colabrodo, visto che viaggia alla media di tre gol di media a partita: stavolta ne ha incassati altri quattro, che lo ancorano all’ultimo posto in classifica.

APRE PEREIRA, I GRANATA LA RIBALTANO – Al quarto d’ora l’azione della Lazio è perfetta: la apre Milinkovic-Savic che libera in area Muriqi. Il cross del Pirata dei Balcani raggiunge dalla parte opposta Patric, che serve un Pereira bravissimo di destro a girare nell’angolo lontano, dove Sirigu non può arrivare. La risposta del Toro non si fa attendere: quattro minuti dopo Linetty sfiora il pareggio a tu per tu con Reina e, sul susseguente angolo di Verdi, Bremer colpisce di testa e pareggia. Sull’onda dell’entusiasmo i granata mettono la freccia e, al 25′, passano anche in vantaggio: è Belotti a firmare il sesto gol in campionato trasformando il rigore conquistato dallo stesso capitano granata per fallo di Pereira. Improvvisamente sotto di un gol, la Lazio alza il baricentro per andare a caccia del pareggio: i biancocelesti, oggi in maglia verde fosforescente, gestiscono palla (55% nel primo tempo) ma non riescono a rendersi pericolosi. Prima dell’intervallo la partita s’inasprisce ed è il Torino a protestare per un dubbio intervento in area di Luiz Felipe su Verdi. Alla Lazio mancano tanto le idee di Lucas Leiva e il peso finalizzativo di Immobile, tanto che Inzaghi li manda a scaldare nel corso dell’intervallo.

FUOCHI D’ARTIFICIO – In avvio di ripresa entrano Lucas Leiva e Akpa Akpro, mentre il momento di Immobile arriverà all’11’. Prima del suo ingresso ci sarà invece il pareggio laziale: al 3′ Rincon stende Correa al limite, batte Milinkovic-Savic che beffa un Sirigu non esente da responsabilità. Da quel momento la spinta capitolina si intensifica ulteriormente e il Torino soffre, chiudendosi nella propria metà campo. Giampaolo inserisce Nkoulou e torna a difendere a cinque, come nel finale di gara contro il Sassuolo. A tre minuti dalla fine arriva il gol di Lukic che porta i granata sul 3-2, ma la partita è tutt’altro che finita. Nel quarto minuto di recupero il tiro di Immobile viene deviato dal braccio di Nkoulou: l’arbitro Chiffi in un primo momento fa giocare, poi però su indicazione del Var va a rivedere l’azione e concede un rigore che Immobile trasforma per il 3-3. Al 53′ è Caicedo a scrivere la parola fine ad una partita che rischia di essere la svolta per entrambe le squadre: in positivo per la Lazio e in negativo per il Torino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.